Autosufficienza anziani, arriva il robot del progetto EnrichMe

Autosufficienza anziani

Milano – Un Robot  low cost dalle fattezze di un aiutante di casa e ‘telecomandato’ a distanza  per migliorare la qualità di vita delle persone anziane ancora autosufficienti ma che presentano l’inizio di un decadimento cognitivo o forme di disabilità lieve. Si tratta di EnrichMe, il progetto da 4 milioni di euro finanziato dalla Commissione Europea nell’ambito del programma Horizon 2020, che vede la partecipazione di enti di ricerca e aziende di Regno Unito, Francia, Olanda, Polonia, Grecia e Italia.

Il prototipo del robot – implementato per garantire una maggiore autosufficienza degli anziani – verrà testato a ottobre per 3 mesi presso il  centro della Fondazione Don Gnocchi di Milano e in Olanda. Seguiranno le integrazioni dei tecnici e nuovi test programmati in Gran Bretagna e Polonia direttamente nella casa delle persone che si serviranno del robot. L’obiettivo finale è realizzare un dispositivo di facile utilizzo, con il prezzo di un elettrodomestico casalingo.

”L’idea è creare un robot domestico – spiega Roberto Andrich, ricercatore della Fondazione Don Gnocchi di Milano – per persone anziane abbastanza autosufficienti, ma con problemi cognitivi che necessitano di assistenza”

Il robot, dotato di uno schermo video, può ad esempio andare direttamente dalla persona che assiste e metterla in contatto visivo con i suoi familiari e ricordargli di assumere le medicine. Il sistema comunicherà all’anziano quando è venuto il momento di andare a letto e lo stimolerà a fare più moto intrattenendolo  con giochi.

Il robot sarà anche una sorta di sentinella: potrà sorvegliare l’anziano  per vedere si nutre bene,  se e’ caduto accidentalmente o se si trova in situazioni di pericolo  avvisando i familiari.

autosufficienza anziani

Autosufficienza anziani, arriva il robot del progetto EnrichMe. Ecco il gruppo di lavoro

Il robot, in grado di effettuare chiamate telefoniche, è integrato con sistemi domotici e una volta entrato a regime, dovrebbe avere le caratteristiche di un elettrodomestico che si aggira per la casa in autonomia, in grado di monitorare la persona anziana 24 ore al giorno tramite l’utilizzo e il supporto di sensori wireless presenti nell’abitazione, compiendo una serie di operazioni programmate e personalizzate. Maggiori info su http://www.enrichme.eu/