Carpi: al via il cantiere per i lavori della SPDC-RTI

Nei giorni scorsi la firma presso la palazzina del Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura. Modifica radicale della struttura, per un approccio integrato ai pazienti psichiatrici

Al via i lavori all’edificio della SPDC-RTI di Carpi (Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura e Residenza a Trattamento Intensivo). Lunedì 12 febbraio, alla presenza del coordinatore per la sicurezza, è stata apposta la firma tra l’impresa aggiudicataria dell’appalto e il direttore dei
lavori dell’Azienda USL di Modena.
L’intervento, finalizzato a una modifica radicale della struttura esistente, prevede la ristrutturazione del piano terra della palazzina e l’ampliamento rispetto all’attuale superficie. Sarà così adeguata alle esigenze normative e cliniche di cura e assistenza delle persone con disagio psichico critico, secondo un modello di presa in carico e di accompagnamento delle fasi acuta e post-acuta, dal ricovero ospedaliero all’avvio della necessaria riabilitazione.
Saranno 120 i mq aggiuntivi (il 32% in più rispetto agli attuali 375 mq) che permetteranno di ricavare nuovi locali giorno e migliorare gli spazi per gli operatori. L’adeguamento di tutta l’impiantistica alle nuove normative e la coibentazione esterna garantiranno inoltre un alto risparmio energetico.
Sempre nell’ambito dei lavori è previsto il miglioramento antisismico dell’intera palazzina. La durata prevista del cantiere è di 12 mesi cui seguirà la fase di collaudo per la piena agibilità della struttura.