Catania, provette prelievi inviate con la posta pneumatica

Si basa su un’idea del passato il nuovo sistema di trasferimento delle provette ematiche del Garibaldi-Centro di Catania. E’ la “Posta pneumatica”, inventata in Egitto addirittura nel I secolo avanti Cristo da Erone di Alessandria.
Si tratta di un meccanismo attraverso il quale era possibile inviare oggetti da un luogo ad un altro in tempi brevissimi e con limitati sprechi di energia.
Da qualche giorno, infatti, nell’ospedale di piazza Santa Maria di Gesù l’antico metodo è stato riadattato alle moderne esigenze di trasferimento del materiale ematico dal Dipartimento di Emergenza verso il laboratorio analisi, riducendo sensibilmente le distanze e abbattendo le annose problematiche di refertazione.
Peraltro, vantaggi scaturiscono anche per la qualità dell’assistenza stessa, in quanto il personale che in precedenza era impiegato a fare da corriere, oggi può dedicarsi esclusivamente ad un ruolo molto più vicino alle esigenze dei pazienti.
“Non è una rivoluzione – ha detto Giorgio Santonocito, Commissario dell’Arnas Garibaldi – ma della dimostrazione che, a volte, si possono ottenere grandi risultati con creatività e piccoli investimenti”. Vantaggioso anche sotto il profilo del costo, la posta pneumatica permette di inviare oggetti attraverso tubi d’aria pressurizzata. L’infermiere ripone la provetta all’interno di una piccola camera che, una volta piena, viene sigillata. Attraverso una specifica tastiera, poi, il tutto viene inviato al destinatario che sarà avvisato del “pacco” in arrivo in pochi secondi da un segnale acustico e da un lampeggiante.
“Si può dire – continua il manager – che la fase di sperimentazione sta andando davvero a profitto, tanto che stiamo pensando di estendere l’idea anche in altri reparti”.