Approvato emendamento per la prenotazione dei vaccini in farmacia

Concluso l’esame degli emendamenti al decreto vaccini, l’Aula del Senato tornerà a riunirsi domani per il voto conclusivo del provvedimento

Con 198 sì e 48 no l’Aula del Senato ha approvato l’emendamento al decreto vaccini che prevede la possibilità di prenotarli nelle farmacie. A presentarlo, nella sua prima versione che prevedeva la somministrazione dei vaccini nelle farmacie con personale medico e infermieristico, era stato il senatore di FI Andrea Mandelli, che è anche presidente dell’ Ordine dei farmacisti. Poi, anche in seguito a problemi di copertura che ne erano nati, era stato fatto proprio e riformulato dalla relatrice Patrizia Manassero (PD) che prevede solo la possibilità di prenotarli in farmacia.
L’emendamento Mandelli-Manassero approvato dall’Aula del Senato prevede: “In via sperimentale e al fine di agevolare gli adempimenti vaccinali relativi all’anno scolastico 2017/2018 la prenotazione delle vaccinazioni di cui all’articolo 1, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica, può avvenire presso le farmacie convenzionate aperte al pubblico attraverso il Centro Unificato di Prenotazione (Sistema CUP)”.
Concluso l’esame degli emendamenti al decreto vaccini, l’Aula del Senato tornerà a riunirsi domani alle 9. L’Assemblea ha infatti accolto la richiesta del vicepresidente di Palazzo Madama Roberto Calderoli di rinviare a domani le dichiarazioni di voto e il voto conclusivo del provvedimento. E si comincerà mezz’ora prima del previsto per consentire ai parlamentari di seguire la cerimonia del Ventaglio prevista per domani alle 11.30.