Farmaci galenici: una soluzione su misura, tra passato e futuro

Dott. Renzo Scaglioni

Farmacista

Direttore Farmalabor Campus

Assago (MI)

blank

Forse non tutti sanno che, nelle competenze professionali del farmacista, ce n’è una che lo rende unico nel campo della salute: l’allestimento di preparazioni magistrali.
Rappresentano la soluzione perfetta in caso di:
Malattie rare (che prevedono l’utilizzo dei farmaci orfani introvabili)
Dosaggi e forme personalizzate (frequenti, ad esempio, in campo pediatrico e veterinario)
– Forme farmaceutiche di alcuni principi attivi non reperibili in commercio
– Particolari esigenze del paziente (allergie, intolleranze etc.)
Secondo la normativa, tutte le farmacie sul territorio Nazionale sono dotate di un minimo obbligatorio di strumentazioni e materie prime necessarie per allestire preparazioni formulate dal medico prescrittore.
La chiave è tutta nella volontà del farmacista di fare la differenza:
il medico ha la responsabilità della terapia ma è il farmacista che dovrà interfacciarsi con lui per trovare una soluzione condivisa ed efficace, in termini di forma, dosaggio ed effetto benefico sul paziente.
Nel caso di malattie rare, spesso non esiste in commercio un farmaco (perché nessuna multinazionale investe su numeri piccoli), pertanto i pazienti possono trovare una soluzione farmacologica proprio nella galenica, come per esempio il Sodium Dichloroacetate, usato nel trattamento dell’Acidosi lattica congenita.
Addentrandoci nel campo della pediatria, si apre uno scenario ancora più complesso. A volte, i bambini sono costretti ad assumere farmaci dal gusto sgradevole o in forme invasive, ma il farmacista preparatore, attraverso piccoli ma significativi accorgimenti, può rendere più gradevole il farmaco (in relazione al sapore del principio attivo) oppure veicolare la cura in un’altra forma (come nel caso dei lollipop).
Le forme e i dosaggi personalizzati riguardano non soltanto i bambini ma anche gli adulti.
Grande clamore mediatico ha suscitato la questione della cannabis a uso terapeutico. Lo studio e delle preparazioni capaci di rispondere al meglio sia all’uso che al beneficio dell’utilizzatore finale sono a cura del farmacista preparatore.
Nel caso di farmaci veterinari spesso si assiste alla prescrizione di un prodotto a uso umano da adattare alle esigenze dell’animale. Non sta, certamente, al proprietario dell’animale trasformarsi in alchimista ma è più corretto e sicuro far preparare il farmaco al farmacista preparatore.
Questi solo alcuni dei casi più clamorosi in cui il farmacista preparatore ricopre un ruolo decisivo per la salute e il benessere. La galenica è un’arte antica ma modernissima, perché eredita saperi del passato e li integra con tecnologie e metodologie all’avanguardia.
Come ogni arte, ha bisogno di apprendimento sul campo. Esiste quindi, una formazione specifica, dove i farmacisti possono mettersi in discussione, acquisire nuove competenze, avviare nuove sinergie con i medici.
Il farmaco su misura è possibile, e spesso è la soluzione più efficace per il paziente.