Una nuova pelle generata in laboratorio per il “bimbo farfalla”

Il bambino affetto da una grave patologia genetica, l’epidermolisi bollosa giunzionale, ha avuto la possibilità di avere una nuova pelle, per l’80% del suo corpo, generata in laboratorio e corretta dal suo difetto genetico. La pelle è stata ricreata dall’equipe medico-scientifica del dipartimento di Medicina rigenerativa “Stefano Ferrari” dell’università di Modena e Reggio Emilia ed è stata trapiantata sul soggetto in due diverse operazioni. Secondo le dichiarazioni del dottor Michele De Luca, il bambino ha ripreso progressivamente le sue attività quotidiane dopo aver avuto un coma farmacologico a causa della sua patologia.