L’Oms adotta il Piano Globale di Azione alla Demenza

“Una malattia da mille miliardi di dollari, i governi agiscano”

Ogni 3 secondi una persona sviluppa la demenza, i malati sono 50 milioni in tutto il mondo, ma la maggior parte non riceve una diagnosi. L’Organizzazione Mondiale della Sanità (Oms), ha adottato oggi il Piano Globale di Azione sulla Risposta di Salute Pubblica alla Demenza 2017-2025, che invita i governi a raggiungere precisi obiettivi.Il Piano apre una nuova prospettiva sull’assistenza e la terapia, ribadisce che la demenza non è l’inevitabile conseguenza dell’invecchiamento e chi ne è colpito deve essere aiutato a vivere nel modo migliore possibile.
Più della metà delle persone affette dalla patologia vive in Paesi a basso e medio reddito, dove solo il 10% dei malati ottiene una diagnosi. Nel 2018 la demenza diventerà una malattia da mille miliardi di dollari.
Con il suo Segretario Generale Mario Possenti, la Federazione Alzheimer Italia, rappresentante di Adi per il nostro Paese, è l’unica organizzazione italiana presente a Ginevra per l’approvazione del Piano. Ha fornito il proprio contributo sulla bozza ritenendo che la sua adozione sosterrà i singoli Stati a sviluppare politiche specifiche. Il presidente di Adi Glenn Rees, ha sottolineato: “La demenza è l’unica condizione cronica senza una terapia risolutiva.
Almeno l’1% del costo della demenza dovrebbe essere investito nella ricerca”.
Gabriella Salvini Porro, presidente della Federazione Alzheimer Italia ha spiegato che in Italia esiste un Piano sulle demenze, ma senza stanziamento di fondi.