ONCOLOGIA, PREMIO GRANT OF ONCOLOGY INNOVATION A RICERCATORE ITALIANO ROBERTO CHIARLE

C’è anche un italiano tra i vincitori del Grant for Oncology Innovation (GOI) 2015, che riceveranno premi per un valore totale di 1 milione di euro.
L’annuncio è stato dato da Merck Healthcare. Roberto Chiarle dell’Università di Torino, ha vinto per il suo progetto finalizzato a chiarire i meccanismi di recidiva in un sottogruppo di pazienti con tumore del polmone non a piccole cellule (circa il 50%) sottoposti a terapia mirata a base di un inibitore della tirosinchinasi (TKI) del linfoma anaplastico (ALK, anaplastic lymphoma kinase).
Circa la metà dei pazienti trattati con inibitori della tirosinchinasi ALK (ALK-TKI) recidivano senza una spiegazione, il che significa che non possono beneficiare di ulteriori linee di terapia mirata. Gli altri due vincitori sono Josep Maria Piulats Rodriguez del Catalan Institute of Oncology e Rodrigo Dienstmann del Vall d’Hebron Institute of Oncology. “Siamo orgogliosi di consegnare il Grant for Oncology Innovation a questi ricercatori straordinari e ai loro team e rivolgiamo loro le nostre più sincere congratulazioni.
Le loro ricerche pionieristiche ci aiutano a comprendere meglio la biologia dei tumori solidi, avvicinandoci a terapie personalizzate dei tumori che un giorno potrebbero cambiare le vite dei pazienti” ha dichiarato Belén Garijo, membro dell’Executive Board e CEO di Merck Healthcare.
“Speriamo che questo premio possa contribuire al proseguimento dei loro studi innovativi in questa area di ricerca fondamentale.” I vincitori del GOI 2015 sono stati annunciati ufficialmente nel corso di una cerimonia di premiazione che si è svolta durante l’European Cancer Congress (ECC) del 2015 a Vienna, in Austria. I vincitori sono stati selezionati da un Comitato Scientifico (Scientific Steering Committee) internazionale composto da illustri oncologi e ricercatori.