Comunicato – SPDC di Sora: ” Ecco come stanno le cose”

Le precisazioni dell’ Azienda Sanitaria

In relazione alla ristrutturazione dell’SPDC di Sora è bene evidenziare e precisare:
1) attualmente l’SPDC di Sora non risponde ai requisiti strutturali previsti per legge;
2) già nel 2014 la Regione Lazio ha stanziato fondi per € 750.000,00 per lavori di ristrutturazione;
3) questi lavori non hanno mai potuto essere avviati poiché, fra l’altro, da quattro anni i 3 SPDC della ASL di Frosinone stanno accogliendo gran parte dei pazienti provenienti dalla provincia di Latina, con l’SPDC dell’Ospedale di Latina chiuso (dovrebbe essere riaperto nelle prossime settimane);
4) la Regione Lazio ha stabilito che dal 15 giugno del c.a. i pazienti di Latina non graveranno più sulla ASL/FR ma saranno destinati ad altre ASL;
5) i lavori presso l’SPDC di Sora avranno la durata di 3 mesi e restituiranno un Reparto di eccellenza fra i migliori nell’ambito dei programmi di valorizzazione dell’Ospedale di Sora;
6) non è stato possibile spostare il Reparto presso altri locali poiché questo avrebbe comportato lavori di ristrutturazione ed adeguatamento, particolarmente gravosi. Infatti le norme che regolano gli SPDC sono particolarmente impegnative, e si sarebbe trattato di una procedura amministrativamente molto discutibile, – né sarebbe stato possibile prevedere una riduzione dei posti letto con lavori per singoli posti, poiché il disagio ed i rischi per pazienti ed operatori sarebbe stato insostenibile;
7) non si prevedono disagi all’utenza in quanto i due SPDC di Frosinone e Cassino sono in condizione di coprire, temporaneamente, tutte le emergenze in ambito psichiatrico della nostra provincia;
8) i Dirigenti e gli Operatori dell’SPDC di Sora sono stati, in pieno accordo, temporaneamente destinati ad altri servizi del Dipartimento di Salute Mentale e Patologie da Dipendenza, pronti a rientrare non appena ultimati i lavori.
«In conclusione, – dichiara il Commissario Straordinario della ASL di Frosinone, Dr. Luigi Macchitellail nuovo SPDC di Sora consentirà un vero salto di qualità nell’assistenza psichiatrica nella nostra provincia, valorizzando il Presidio Ospedaliero di Sora e non determinando disagi alla nostra utenza».