La fissazione esterna “ibrida”