fbpx

Angela Notarnicola nuovo presidente S.I.T.O.D., l’elezione è avvenuta a Napoli al XIII Congresso sulla Terapia a onde d’urto

Angela Notarnicola, medico specialista in Fisiatria, professore associato e coordinatrice del corso di studi in Scienze delle attività motorie e sportive all’Università di Bari, è il nuovo presidente Sitod, la Società Italiana Terapia a Onde d’Urto i cui soci si sono riuniti a Napoli in occasione del XIII Congresso SITOD – I Conferenza Europea, evento di cui è presidente il prof. Sergio Russo.
La dott.ssa Notarnicola prende il posto del dott. Paolo Buselli che ha guidato la Società nell’ultimo biennio. Nel corso della stessa riunione è stato rinnovato l’intero Consiglio direttivo: la dott.ssa Maria Cristina D’Agostino è stata eletta vice presidente, il dott. Sergio Gigliotti è stato riconfermato segretario, mentre il prof. Biagio Moretti, probiviro.
I sei consiglieri eletti sono i dottori Bruno Corrado, Maria Chiara Vulpiani, Sara Messina, Roberto Frairia, Pietro Romeo e Ernesto Amelio.
Angela Notarnicola si occupa di onde d’urto dal 2005, specializzando il suo campo d’azione sul trattamento delle problematiche muscolo – tendinee e le fratture; la sua attività di ricerca riguarda adesso l’azione su ulcere, tunnel carpale e anche lombalgia.
“E’ mio intento – ha dichiarato la presidente dopo aver ringraziato la SITOD e il suo mentore, il prof. Moretti – sviluppare la mia attività e quella dell’intero consiglio direttivo su tre azioni: l’informazione verso il paziente, il maggiore coinvolgimento degli specialisti, il collocamento della terapia con onde d’urto nel più ampio progetto di medicina digitale. Angela_Notarnicola_Presidente_Sitod
Intanto – ha proseguito – la SITOD deve aprirsi maggiormente ai pazienti; vogliamo far conoscere e chiarire alcuni aspetti specifici di questa terapia in riferimento ad aspettativa e risultati. Per raggiungere questo obiettivo puntiamo all’organizzazione di un Open Day: una intera giornata che – nei vari ambulatori – sarà dedicata al trattamento con onde d’urto.
Il secondo obiettivo – ha aggiunto – coincide con il rafforzamento del valore scientifico della nostra Società. Nell’intento di rivolgerci agli specialisti, pubblicheremo ricerche e avvieremo studi multicentrici. Inviteremo i colleghi – nel rispetto delle norme sulla privacy – ad inserire in un database i dati clinici dei pazienti al fine di monitorare l’efficacia dei trattamenti in riferimento alla eventuale risposta negativa o positiva. Questa azione ci permetterà di uniformare i protocolli e migliorare la definizione della prognosi e il successo della terapia.
Infine la promozione klicken sie hier, um mehr zu lesen. Paolo_Buselli_past_president_SitodLa terapia ad onde d’urto deve rientrare nel più complesso progetto di Medicina digitale. Abbiamo recentemente rinnovato il sito web della nostra Società, raggiungibile all’Url www.sitod.it e renderemo le nostre azioni più accessibili anche sui social network, piattaforme ormai imprescindibili per raggiungere un audience ampia”.
La presidente Sitod Notarnicola intende sviluppare, inoltre, una azione specifica per il corretto inserimento della terapia a Onde d’urto nei nuovi Lea.
L’elezione della dott.ssa Notarnicola e dell’intero consiglio direttivo della SITOD è avvenuta appunto a Napoli nell’ambito del 13° Congresso della Società Italiana di Terapia a Onde d’urto dal tema “Lo stato dell’arte nell’Unione Europea, metodiche a confronto”. Promosso dalla Società Italiana Terapia con Onde D’urto (SITOD), supportato dall’International Society for Medical Shockwave Therapy (ISMST) e dalla ESwTS ed organizzato da Av Eventi e Formazione, l’evento ha rappresentato la prima conferenza europea dedicata ad una terapia che garantisce percentuali molto alte di successo del trattamento. Sergio_Russo_presidente_congresso_SitodNon è un caso che i lavori congressuali – preceduti dal Corso di certificazione internazionale – si siano svolti a Napoli: fu proprio nella città partenopea che, per la prima volta, le onde d’urto furono sistematicamente usate con successo nella cura della pseudoartrosi.