fbpx

Dal 21 al 28 ottobre 2017 la Settimana della Salute Mentale

Màt, 88 eventi per aprire una finestra nuova sul mondo

Con 88 eventi in 16 Comuni dell’intera Provincia di Modena, oltre 70 relatori, 8 mostre permanenti, la presenza di tutti gli Enti istituzionali e più di 100 partner dell’associazionismo, del privato sociale ed imprenditoriale, prende il via il 21 ottobre la VII edizione di “Màt”, la Settimana della Salute Mentale. Promossa dall’Azienda USL di Modena, si pone come punto di riferimento in Italia per chi vuole dare corpo a un’idea di Salute Mentale che coniughi la cura e il rispetto dei diritti, per studiare e pensare assieme, generare nuovo sapere, e immaginare nuovi percorsi.
Anche quest’anno il confronto con relatori provenienti da ogni parte del Paese e dall’estero riguarderà le questioni più innovative che attraversano la Salute Mentale. Tra questi, l’approccio “Open Dialogue”, gli utenti Esperti in Supporto tra Pari, l’Incontro nazionale del Club SPDC No Restraint, senza contenzione e a porte aperte, e molti altri. Il programma completo è disponibile su www.matmodena.it e sulla pagina Facebook “Matmodena”.
“La Giunta Comunale, in accordo con l’Ausl – afferma l’assessora al Welfare del Comune di Modena Giuliana Urbelli – ha approvato nel luglio 2017 il ‘Programma per il coordinamento delle funzioni sociali e sanitarie nel campo della salute mentale’, un sistema integrato di interventi ispirato a valori fondanti come la lotta allo stigma, la partecipazione di utenti e famigliari, l’innovazione dei progetti che sviluppano gli assi dell’abitare, dell’inserimento lavorativo e dell’inclusione sociale. In questa direzione va il sostegno convinto dell’amministrazione nel condividere e ‘replicare’ con la Sanità e il Volontariato interventi innovativi di comunità e di sviluppo delle autonomie come il Social Point, Casa Paola o La Fonte; anche quest’anno Màt diventa occasione per fare il punto sui risultati raggiunti e per confrontarci su bisogni che riguardano un’ampia fascia della popolazione”.
“La 7° edizione di Màt si spinge ad esplorare nuove forme di conoscenza nell’ambito della salute mentale, proponendo stimoli, suggestioni, ma anche esperienze pratiche che rappresentano un vero rinascimento intellettuale nel campo della salute” ha affermato il Direttore Generale della Ausl di Modena Massimo Annicchiarico. “La ferma volontà di superare gli stereotipi impone di ripensare all’intero ecosistema uomo-contesto-società-salute. E la salute mentale è la migliore espressione di questa inscindibile relazione, paradigma di un nuovo e diverso modo di concepire l’ormai superato manicheismo sano\malato”.

Sono intervenuti alla Conferenza stampa:
– Bianca Caruso, Direttrice Sanitaria Azienda Usl Modena
– Giuliana Urbelli, Assessora Sanità e Welfare Comune di Modena
– Fabrizio Starace, Direttore Dipartimento Salute Mentale Azienda Usl Modena
– Tilde Arcaleni, Presidente Comitato Utenti Familiari Operatori
– Angelo Bagni, Presidente Associazione ‘Idee in Circolo’
I numeri della Salute Mentale Adulti in provincia di Modena

I punti d’accesso alla rete dei servizi offerti dal Dipartimento di Salute Mentale dell’AUSL sono gli 8 Centri di Salute Mentale (CSM) presenti su tutto il territorio provinciale, dedicati per l’assistenza alle persone maggiorenni e i centri di Psicologia Clinica. Sono presenti anche 6 Centri Diurni accreditati e 1 Day Hospital territoriale a Carpi, dotato di 3 posti letto. I Servizi Ospedalieri dispongono di 66 posti letto.
Nel 2016 l’1,9% della popolazione residente è stato trattato presso i CSM (11.297 soggetti), con circa lo 0,4% della popolazione (2.192 soggetti) al primo contatto nella vita con questi servizi. Sono stati inoltre trattati 884 soggetti non residenti. La diagnosi più frequentemente formulata per i trattati presso i CSM è stata la psicosi (41,4%), per i soggetti al primo contatto quella di nevrosi (47,3%). Gli interventi domiciliari rappresentano il 9,5% di quelli erogati, in aumento rispetto all’anno precedente.
Il tasso di ospedalizzazione in acuto dei residenti maggiorenni nella provincia di Modena è stato pari a 25,0 x 10.000 abitanti, al di sotto del tasso regionale. Il tasso di ospedalizzazione per Trattamento Sanitario Obbligatorio (TSO) presso reparti di psichiatria è stato pari a 22,3 x 100.000 abitanti maggiorenni, anch’esso al di sotto della media regionale. Tra le attività di promozione dell’inclusione sociale, il progetto Social Point nel 2016 ha coinvolto 203 utenti (70 nuovi utenti) e più di un centinaio di associazioni culturali. Gli inserimenti lavorativi attivi sono stati 463. Si conferma la tendenza all’azzeramento totale della contenzione meccanica negli SPDC, obiettivo già raggiunto nel Servizio di Carpi.

Sintesi del programma

Sabato 21 ottobre al via MAT

La manifestazione ‘inaugurale’ della rassegna si apre alle ore 15.30 con il Màt Pride, una Marcia “contro ogni pregiudizio” che colorerà le vie della città. Il coinvolgimento della cittadinanza si concretizza con una colorata sfilata lungo le vie cittadine: in cammino persone accomunate dal desiderio di una Comunità inclusiva. Si concluderà alla Tenda con la musica dei “Rulli Frulli”. Subito dopo, alle 17.30 presso il Forum Monzani, è in programma la proiezione del film “Tommy e gli altri” con Gianluca Nicoletti e Luigi Mazzone, che racconta – col linguaggio delle immagini – il tema dell’autismo. La giornata si conclude a Vignola con il concerto di Yuri Berretta.

Domenica 22

Al pomeriggio, presso la Palazzina Pucci, l’atteso dibattito sull’Open Dialogue, “uno dei metodi di intervento più democratici in Salute Mentale”. In serata al Teatro Drama con due spettacoli teatrali, entrambi animati da temi e persone della salute mentale, alle 18.00 ed alle 21.00.

Lunedì 23

Al mattino il Convegno “Salute Mentale ed integrazione Socio Sanitaria”, in cui si parlerà tra l’altro di alternative al ricovero e di affido etero familiare di persone con problemi; nel pomeriggio sono previsti il dibattito “Voci e testimonianze dei gruppi di Auto Mutuo aiuto dell’Area dipendenze patologiche” e la conferenza “Vulnerabilità psicologica dei rifugiati e salute mentale: lo shock culturale” entrambi temi sensibili delle nuove prassi e delle nuove sfide che attraversano il mondo della salute mentale. Sarà dedicato a come gestire lo stress di tutti i giorni il seminario di psicologia che si terrà a Palazzo Carandini. La giornata si conclude a Castelnuovo con l’incontro “Mindfulness: una risorsa per migliorare il benessere psicofisico anche dei piccini” e a Castelfranco con lo spettacolo teatrale “Lo spettacolo dello spettacolo” presso il Teatro Dadà.

Martedì 24

Si apre col convegno “La figura dell’ESP (Esperto in Supporto tra Pari) nel rapporto con il DSM e con le realtà associative in rete” presso la Tenda. Nel pomeriggio il protagonismo degli utenti è ancora al centro dell’attenzione con il Workshop “Salute e Malattia: società giuste vite sane” promosso dal movimento de Le parole ritrovate. Nell’area delle dipendenze un evento di rilievo regionale vedrà esperti a confronto sul delicato tema delle Linee Guida e delle modalità più appropriate di assistenza. Nella Sala de Contrari di Vignola tutto il giorno sarà dedicato ai percorsi di cura degli adolescenti. La giornata si concluderà a Modena alle 20 con “A cena col Màt”, una cena-evento aperta alla cittadinanza; la digestione sarà facilitata dal ritmo della pizzica con un gruppo musicale che suonerà dal vivo.

Mercoledì 25

Tengono banco il dibattito su “I percorsi per le persone con problemi di dipendenza nelle Comunità” presso La Torre, CEIS, e il convegno “Salute Mentale e Medicina del Lavoro: tanto in comune, tanto da fare” presso la Facoltà di Medicina, con il patrocinio di UNIMORE. A Finale Emilia, una mattinata dedicata all’agricoltura sociale ed alle opportunità di inclusione che offre. Nel pomeriggio, presso La Fonte, si terrà il dibattito “Riutilizzare risorse: contrastare l’esclusione”. In serata, a Sassuolo, follia e creatività negli scritti di Dino Campana.

Giovedì 26

Si apre a Carpi il Convegno Nazionale SPDC No Restraint 2017, dal titolo “Curare senza legare: missione possibile?”, con interventi di operatori da SPDC di tutto il Paese, mentre a Modena, nella mattinata, si terrà il Convegno “Fami-Start-er: un modello di lavoro integrato per Minori Stranieri Non Accompagnati e richiedenti asilo minori ed adulti”. Nel pomeriggio presso il Vibra, Radio Liberamente curerà il dibattito “Radio-Attivi nella comunità. La radio come bene comune e strumento per dare voce alla comunità”.

Venerdì 27

A Carpi la seconda giornata del convegno nazionale SPDC No Restraint, con il contributo di relatori su temi di rilevanza sociale e medico-legale; a Modena il convegno “Disabilità e sport”. Nel pomeriggio, presso La Tenda, il dibattito “Legge 14 e Salute Mentale; le misure regionali contro la fragilità: quando i servizi lavorano insieme”, in cui verranno dibattute le nuove misure regionali per l’inserimento lavorativo. La giornata si concluderà con la serata “La Notte Brava” con VALLANZASKA live, open act MAD Music Against Disorder presso il Vibra.

Sabato 28

A Modena nel pomeriggio, alla Tenda, si terrà il dibattito “Ascolto, accoglienza e orientamento delle persone LGBT: elementi di sex orienteering per operatori sanitari”. Sempre nel pomeriggio, alla Sala Truffaut, dopo la visione del film “Crazy for football” si terrà la presentazione dei cortometraggi selezionati per il bando cinematografico “Meglio matti che corti”, quest’anno giunto alla sua terza edizione. La giornata si concluderà presso il Vibra con la serata “Italindie” con GIORGIENESS live open act EGO. Ampio spazio sarà dedicato durante tutta la settimana di eventi dedicati alla salute mentale a spettacoli teatrali – con laboratori realizzati nei CSM della Regione Emilia Romagna nell’ambito del progetto regionale “Teatro e Salute Mentale”, e di altre Regioni italian. Spazio anche al cinema con film che propongono temi della salute mentale, e la presentazione dei cortometraggi selezionati per il bando cinematografico “Meglio matti che corti” e tante iniziative legate al mondo della musica – a partire dall’inaugurazione, animata dall’energia delle percussioni dei “Rulli Frulli”.
Numerose anche le presentazioni di libri, che affrontano da prospettive comunicative diverse il disagio psichico, mostrandone gli aspetti più comuni e più avvertiti da tutti: dalle Brevi lezioni di Psichiatria, di Enrico Smeraldi, alla Narrazione Psicologica attraverso gli scritti di Andrea Camilleri, di Giuseppe Fabiano, a Manicomio Addio! Viaggio psicanalitico dentro gli strumenti della psichiatria, di Guelfo Margherita. Durante tutta la Settimana saranno aperte anche 8 mostre: InGrandiMenti, esposizione fotografica sul tema “Maschere e Identità”; Viaggio negli Ospedali Psichiatrici Giudiziari, reportage fotografico di Ilaria Scarpa all’interno degli OPG prima della loro chiusura; “Orme di colore, tracce di vita” mostra di pittura del laboratorio artistico del CSM di Vignola.