fbpx

AL GUZZARDI DI VITTORIA VACCINI ANTINLFUENZALI, TESTIMONIAL D’ECCEZIONE: IL DIRETTORE GENERALE DELL’ASP PRESENTE ANCHE IL SINDACO DI VITTORIA

Prosegue la campagna di vaccinazione antinfluenzale della Asp di Ragusa, già entrata nel vivo la scorsa settimana.
La campagna, mirata a prevenire la diffusione dell’influenza stagionale, ha vissuto una prima fase di informazione con precedenti comunicati stampa ed incontri con i Medici di Medicina Generale in tutto il territorio dell’Azienda.
L’Azienda Sanitaria punta anche, con l’iniziativa di ieri pomeriggio,  svoltasi nell’ambulatorio del reparto di Medicina dell’ospedale Guzzardi, ad un’attività di sensibilizzazione della popolazione, diffondendo un messaggio di serenità e sicurezza. Infatti, testimonial d’eccezione della campagna il direttore dell’Asp, dr. Maurizio Aricò, presente anche il primo cittadino di Vittoria, avv. Giuseppe Nicosia. Oltre ad Aricò, hanno effettuato la vaccinazione il dr. Giuseppe Drago, Direttore Sanitario degli ospedali di Vittoria e Comiso; dr. Francesco Blangiardi, Direttore del Dipartimento di Prevenzione; la dr.ssa Maria Concetta Distefano, Direttore dei Distretti Sanitari di Vittoria e Ragusa; il dr. Roberto Licitra, presidente della FIMMG – Federazione Medici Medicina Generale – di Ragusa.
<<Un messaggio – precisa il dr. Aricò – che mira alla sensibilizzazione nella nostra provincia, che tra l’altro, per la vaccinazione antinfluenzale ha sempre segnato livelli significativi di adesione, grazie alla sinergia tra le vare istituzioni.>>
Il direttore generale, ha ringraziato gli operatori dell’ambulatorio di Medicina che si sono attivati per effettuare la vaccinazione.
Per le categorie a rischio (i malati cronici, gli ultrasessantacinquenni, i bambini con più di sei mesi, i neonati prematuri, donne in stato di gravidanza, il personale di reparti ospedalieri e presidi territoriali,  chi lavora nelle Rsa e negli asili nidi e chi lavora con gli animali), la vaccinazione è gratuita e può essere effettuata presso il proprio medico di famiglia, il pediatra o il presidio sanitario del proprio territorio.