fbpx

AMPUTAZIONI, PRESENTATA MANO ROBOTICA INAIL

ROMA – L’Inail ha presentato oggi il primo prototipo di mano artificiale ‘made in Italy’ di derivazione Robotica con l’obiettivo di offrire alle persone amputate la possibilità di riprendere una vita  normale. Sarà disponibile a partire dal 2017 e nasce da una collaborazione con l’Istituto italiano di tecnologia. La mano robotica “potrebbe essere inserita nei Lea, livelli essenziali di assistenza, per il 2017, anno in cui sarà concretamente disponibile per i pazienti”. Lo ha annunciato il ministro della Salute Beatrice Lorenzin. “Non posso che plaudire – ha detto il ministro – alla collaborazione tra Inail e Iit. Auspico che questa collaborazione possa arricchirsi del sostegno del ministero della Salute. Ora dobbiamo porci il problema di come dare a tutti i pazienti questa tecnologia. In questo modo sarà possibile superare il gap economico tra chi può accedere a questa tecnologia e chi no”. Durante l’evento è stato ricordato che sono 3.600 le amputazioni di arto superiore ogni anno in Italia, e l’80% di queste riguarda la mano.
Il ministro ha poi ricordato che “abbiamo in corso l’approvazione dei nuovi Lea. E credo che nel 2017, quando questo prodotto sarà pronto, sarà anche possibile inserirlo nei livelli essenziali di assistenza. Il tema delle risorse è un falso problema. Perché i soldi si trovano se si usano bene quelli che ci sono”.