fbpx

Anoressia e bulimia colpiscono anche donne di 40-50 anni

Sono il 3%. Per alcune è un ‘ritorno’, per altre è prima volta

I disturbi alimentari, come anoressia e bulimia, non colpiscono solo nell’adolescenza. Anche le donne tra i 40 e 50 anni possono soffrirne: in alcuni casi si tratta di un ‘ritorno’, perché lo si è già avuto nell’adolescenza, mentre in altri lo si sviluppa per la prima volta nell’età adulta avanzata. Uno studio britannico dello University college di Londra, pubblicato sulla rivista Bmc Medicine e condotto su 5600 donne, ha verificato che complessivamente ne soffre il 3%.
“Molte delle persone coinvolte nello studio ci hanno detto che quella era la prima volta che parlavano dei loro problemi alimentari. Dobbiamo quindi capire perché molte donne non cercano aiuto”, commenta Nadia Micali, coordinatrice della ricerca. Solo il 27,4% delle donne aveva infatti richiesto aiuto o ricevuto terapia in qualche momento della sua vita.
Tra i fattori di rischio sono stati individuati gli abusi sessuali durante l’infanzia per i disturbi alimentari con abbuffate e purghe, mentre eventi come la separazione dei genitori o l’adozione nell’infanzia sono stati associati a tutti i tipi di disturbi alimentari. Quello dei disturbi alimentari in età adulta è un problema che colpisce anche gli uomini. Tom Quinn, della fondazione Beat specializzata nei disturbi alimentari, alla Bbc ha spiegato che “l’anno scorso il 15% delle chiamate arrivate alla nostra linea telefonica di aiuto era per persone di 40 anni, donne e uomini”.