Arriva dall’ Emilia Romagna, proposta di obbligo vaccini all’asilo

“La proposta dell’Emilia Romagna di una vaccinazione obbligatoria per ammettere i bambini al nido o alla materna solo se vaccinati, può essere buona da analizzare in quanto affronta un tema in una regione che ha avuto una diminuzione così forte delle vaccinazioni, e perché c’è un rischio, per i bambini che vanno all’asilo e alla materna, di poter riscontrare importanti malattie perché c’è un buco vaccinale molto grande “. Lo ha detto, a margine della conferenza ‘Allenatore alleato di salute’, il ministro della Salute Beatrice Lorenzin.


”E’ un problema di sicurezza, igiene e salute pubblica – spiega il ministro – in una regione che ha avuto una diminuzione forte delle vaccinazioni sia obbligatorie che non, è una decisione che ha preso la regione e non mi sento di condannare.


Spero però ci sia una maggiore sensibilità da parte dei genitori e dei cittadini al problema, che si rendano conto che il problema esiste ed è un pericolo per i propri figli.


Ricordiamoci sempre perché una regione come l’Emilia è arrivata a quel punto: ci sono bambini che non possono andare a scuola in questo momento perché non possono essere vaccinati, che sono immunodepressi. Noi proibiamo a quei bambini l’accesso alla scuola, credo che sia un fatto molto grave”. Una raccolta firme con lo stesso obiettivo e’ partita in Lombardia.