ASP Trapani – Siracusa a Ugl: identica professionalità cardiologi Mazara e C.vetrano

“Capisco che il reggente regionale dell’Ugl è mazarese, e per questo insegue un ‘sano’ campanilismo, ma chi come me, pur conoscendo bene la realtà mazarese per averci lavorato a lungo, ha una visione generale e non campanilistica della sanità in provincia di Trapani, ha il dovere di razionalizzare le risorse umane in un momento di crisi, proprio per mantenere quei LEA, i livelli essenziali d’assistenza, richiamati nella nota sindacale. Non permettiamo però a nessuno di mortificare l’operato di specialisti medici di questa azienda, che siano cardiologi o di altre specialistiche, in quanto ne garantiamo la professionalità e l’esperienza e che continuo a ringraziare per la dedizione al lavoro, insieme a tutto il personale del comparto”.
Lo dichiara il direttore sanitario dell’Azienda Sanitaria Provinciale di Trapani Antonio Siracusa replicando a una nota del reggente dell’UGL Sicilia Giuseppe Messina.
“Messina dimentica poi di scrivere che il direttore generale dell’ASP Fabrizio De Nicola, nella nota richiamata, ha già sottolineato come non si tratti di chiusura di reparti ma solo di un accorpamento funzionale provvisorio di due identici reparti ubicati in piani diversi dello stesso nosocomio, per razionalizzare il lavoro in questo momento di emergenza e garantire il diritto alle ferie estive, visto anche che i cardiologi del reparto si occupano sia dell’area di emergenza urgenza sita a Mazara del Vallo che dell’unità operativa sita nell’ospedale di Castelvetrano”.
“Prima di divulgare notizie poco accurate che possono creare allarmismo nell’utenza, il sindacalista avrebbe potuto chiedere preventivamente, come fanno la maggior parte dei sindacati, un incontro con questa direzione per averne o meno conferma. Infine vogliamo sottolineare – conclude Siracusa – come l’accorpamento provvisorio sia stato deciso dalla direzione strategica aziendale dell’ASP e non dall’assessore regionale alla Salute, e assicurare all’Ugl che vi è da tempo un proficuo dialogo tra l’Asp e l’amministrazione comunale di Mazara del Vallo”.