fbpx

Biotech : in Italia il fatturato supera 9 miliardi

Rapporto Assobiotec-Enea, quasi 500 imprese e oltre 9.000 addetti

Continua la corsa del biotech italiano: con quasi 500 imprese attive e oltre 9.000 addetti, il fatturato globale supera i 9,4 miliardi di euro, con le previsioni che indicano un +12% al 2017 e un +18% al 2019. E’ quanto emerge dal Rapporto 2016 ”Le imprese di biotecnologie in Italia – Facts & Figures”, realizzato da Assobiotec in collaborazione con l’Agenzia nazionale per le nuove tecnologie, l’energia e lo sviluppo economico sostenibile (Enea).

Il documento fotografa una realtà fatta per lo più da imprese micro o di piccole dimensioni, che però non rinunciano all’innovazione: gli investimenti in ricerca e sviluppo, pari a 1,8 miliardi di euro, incidono per il 25% sul fatturato delle imprese dedicate a ricerca e sviluppo biotech a capitale italiano, con punte fino al 40%.

Per il presidente dell’Assobiotec, Riccardo Palmisano, sono cifre che indicano che ”l’industria biotecnologica in Italia continua a rappresentare un comparto di indiscussa eccellenza, sia scientifica che tecnologica: un settore caratterizzato da un forte fermento e dinamismo”
.
Il motore trainante rimane quello delle biotecnologie applicate alla salute, settore in cui opera il 53% delle imprese biotech italiane con un fatturato di 7,1 miliardi di euro e investimenti in ricerca e sviluppo pari a 1,4 miliardi di euro.

La Lombardia è la prima Regione per numero di imprese (141), investimenti in ricerca e sviluppo (29% del totale) e fatturato biotech (51% del totale).