fbpx

Da visite propri cari effetti positivi per malati Alzheimer

Anche se non li riconoscono, rimane ‘ricordo’ felicità esperienza

Anche se arriva un momento in cui il volto di chi gli è stato vicino per tutta la vita non ha più alcun valore, per un malato di Alzheimer è importante e benefico trascorrere del tempo con i propri cari. La visita di familiari stimola infatti in questi malati sentimenti di felicità, sicurezza e conforto, perchè sono ancora dotati di memoria emotiva. Lo ha verificato una rilevazione dell’associazione benefica inglese Alzheimer Society, segnalato dalla Bbc.

Contrariamente dunque a quello che ritiene il 42% delle persone, ha ancora senso visitare un proprio parente o amico malato di Alzheimer, perchè la felicità da lui provata dura anche dopo che la visita si è conclusa. E’ dunque importante che amici e parenti vadano a trovare i cari malati regolarmente e li aiutino a svolgere attività piacevoli. Nell’indagine condotta su 300 malati affetti da demenza, Alzheimer Society ha rilevato che oltre la metà non prende più parte ad alcun tipo di attività sociale e il 64% dice di sentirsi isolato dopo aver ricevuto la diagnosi.

”Trascorrere del tempo con le persone amate – commenta Jeremy Hughes, presidente di Alzheimer Society – svolgendo attività con loro significative può avere un impatto positivo, anche se non ricordano l’evento stesso”.