fbpx

DAL PRIMO LUGLIO, FARMACI A PORTATA DI CLIC

Dal primo luglio, anche l’Italia recepirà la direttiva europea 2011/62/UE sui medicinali ad uso umano, di conseguenza le farmacie, autorizzate dal Ministero della Salute,  le farmacie potranno vendere online i medicinali senza obbligo di prescrizione, dagli antidolorifici come l’aspirina agli antipiretici quali la tachipirina.

La rivoluzione, come già la chiama qualcuno, comporterà la possibilità, da parte dei cittadini, di acquistare i propri farmaci comodamente da casa e con un semplice clic. La direttiva europea 2011/62UE nasce per attuare una stretta  contro le migliaia siti illegali, che in molti casi, vendono farmaci che risultano contraffatti, prodotti in nazioni con standard sanitari bassi e, di conseguenza, potenzialmente pericolosi.

I siti di vendita online dovranno essere autorizzati e saranno contrassegnati da un logo comune che li renderà identificabili e, dunque, sicuri.

”E’ finalmente regolamentata la vendita online dei farmaci in Italia, in linea con quanto avviene già in altri Paesi – spiega Domenico Di Giorgio, dell’Unità Prevenzione e Contrasto Contraffazione Medicinali dell’Agenzia italiana del farmaco – “le farmacie autorizzate alla vendita online saranno gestite da operatori già autorizzati alla vendita sul territorio in Italia. I loro siti riporteranno un logo specifico, con un link all’elenco delle farmacie autorizzate a vendere in Rete che sarà gestito dal Ministero della Salute”.

Soddisfazione sia da parte della stessa Aifa, qualche perplessità da parte di Annarosa Racca, presidente di Federfarma “Non sono ancora disponibili dati su quante siano le farmacie che adotteranno anche la vendita telematica. Ad ogni modo, nel nostro Paese le farmacie sono presenti in modo capillare sul territorio, e questo potrebbe rendere il ricorso all’acquisto online limitato. Senza contare che l’acquisto di un farmaco è il più delle volte dettato dall’urgenza, e la modalità di vendita online non sarebbe la più immediata”