fbpx

Le donne inglesi combattono la nausea in gravidanza con zenzero e appositi bracciali

Anche Kate ne ha sofferto, nuove linee guida delle ostetriche inglesi

La nausea e il vomito sono un problema, più o meno grave, per circa l’80 per cento delle donne in gravidanza. Per coloro che soffrono di una forma moderata o lieve di questi disturbi e vogliono sperimentare un’alternativa ai farmaci si allo zenzero, che ha delle proprietà enti-emetiche e può essere ad esempio una buona base per i biscotti, e si anche all’agopressione sul polso, magari indossando appositi braccialetti. A suggerirlo sono alcune linee guida del Royal College of Obstetricians and Gynaecologists, organizzazione professionale che opera nell’ambito dell’ostetricia e della ginecologia, i cui contenuti principali sono riportati online dalla Bbc. Secondo le linee guida, invece, meglio non ricorrere all’ipnosi, perché non ci sono sufficienti evidenze scientifiche a supporto di una sua validità. Al tempo stesso, i farmaci, in particolare gli anti-emetici, e il ricorso eventuale alle cure ospedaliere, anche per non andare incontro a una grave disidratazione, cioè la mancanza di liquidi, sono importanti nei casi di iperemesi gravidica, quelli cioè più gravi. Alle donne che ne sono affette, tra le quali vi è stata ad esempio la duchessa di Cambridge Kate Middleton, dovrebbero essere offerti un trattamento specialistico ed eventualmente un ricovero ospedaliero e anche un sostegno dal punto di vista della salute mentale.