fbpx

Epatite C: Associazioni pazienti unite per fare informazione

Al via campagna di sensibilizzazione contro malattia
Si sono riunite per la prima volta stamani a Roma, le sei associazioni nazionali di pazienti affetti da Epatite C, con l’obiettivo comune di fare informazione sulle implicazioni derivanti dal contagio e di sensibilizzare l’opinione pubblica sui comportamenti da adottare per conoscere e prevenire la malattia creando un sito dedicato (www.senzalac.it) e la distribuzione di brochures informative nelle farmacie italiane.

“E’ importantissimo un dialogo e la collaborazione tra le Associazioni e malati, perche’ anche con l’ informazione si arriva alla prevenzione, che permette di abbassare il numero degli infetti, perche’ evitare la diffusione significa diminuire i malati e abbattere i costi delle cure”, ha detto il Ministro della salute Beatrice Lorenzin, presente stamani all’incontro-convegno sui risultati della campagna di sensibilizzazione contro l’epatite C intitolata “Senza la C”. L’iniziativa e’ promossa oltre che da sei associazioni nazionali di pazienti, con il contributo non condizionato di Abbvie. Sono 30mila i pazienti curati con percentuali di guarigione vicino al 100%, ma consapevolezza e prevenzione restano la cura primaria. Oggi in Italia le diagnosi di epatite C potrebbero essere circa 300mila, di cui 160-180.000 pazienti eleggibili a un trattamento antivirale, mentre non è possibile quantificare il sommerso; ogni anno si verificano circa 1.000 nuovi casi. Anche se grazie ai nuovi farmaci sono quasi 30mila i pazienti curati con percentuali di guarigione vicino al 100%, “la prevenzione resta la cura primaria”.