fbpx

Flacco: ”Nessun collasso e niente attese esasperate, ecco i veri dati della Chirurgia di Lanciano”. Pronto il progetto, a breve i lavori per il nuovo reparto

«Non sono 300, ma 103 i pazienti in lista di attesa alla Chirurgia di Lanciano e tutti per interventi di bassissima complessità. Bisognerebbe avere un po’ più di pudore quando si danno numeri al lotto e si inventano situazioni drammatiche che tali non sono, al solo fine di sostenere interessi e tesi sbagliate. Ciò diventa intollerabile quando a dare i numeri sono i professionisti della sanità»: è questa la precisazione del Direttore generale della Asl Lanciano Vasto Chieti, Pasquale Flacco, rispetto alle informazioni contenute nell’articolo “Oltre 300 pazienti in lista di attesa. La Chirurgia al collasso” pubblicato oggi in pagina di Lanciano del quotidiano Il Centro.
«Secondo i dati estratti dal registro prenotazione ricoveri, aggiornato a oggi, venerdì 20 novembre – chiarisce Flacco -, risultano prenotati alla Chirurgia di Lanciano 56 uomini e 47 donne. Per il 90% le diagnosi riguardano calcolosi della colecisti, emorroidi ed ernie inguinali, tipologie di bassissima complessità chirurgica e perfettamente gestibili».
Il Direttore della Asl è netto su questo punto: «Se i chirurghi di Lanciano stanno cercando di alzare polveroni per ottenere la riattivazione della Chirurgia ad Atessa e continuare a gestirla come se fosse un’attività privatistica, sappiano che se lo possono proprio scordare».
Quanto ai problemi relativi agli spazi nei quali è ospitata la Chirurgia, Flacco ribadisce ancora una volta che l’attuale collocazione è provvisoria e annuncia che proprio ieri, giovedì 19 novembre, la Direzione Medica dell’Ospedale di Lanciano ha dato il nulla osta all’approvazione del progetto definitivo per la ristrutturazione dei locali al secondo piano del “Renzetti”, che ospitavano in precedenza e torneranno a ospitare la Chirurgia.
«Approveremo il progetto definitivo cui seguirà quello esecutivo – spiega il Direttore generale – e in tempi assai brevi faremo partire i lavori». L’investimento previsto è di 500mila euro. Il reparto sarà completamente ristrutturato e messo a norma, con il rifacimento del pavimento, di tutti gli impianti e dei servizi.