Medical News

I genitori perfezionisti e invadenti portano i bimbi ad essere ansiosi

Aumenta anche il rischio di depressione

I genitori perfezionisti e che tentano di ‘invadere’ il campo dei propri figli, provando a sostituirsi a loro nella soluzione dei problemi senza lasciarli fare da soli, rischiano di portare i bambini ad essere molto critici con se’ stessi e questo iper-criticismo può aprire la strada ad ansia e depressione. A lanciare l’avvertimento uno studio condotto dalla National University of Singapore e pubblicato sul Journal of Personality.

I ricercatori, dal 2010 al 2014, hanno seguito 263 bambini che all’inizio dello studio avevano 7 anni. Hanno misurato il livello di invadenza dei genitori, durante il primo anno, mentre i bambini dovevano completare un puzzle in un determinato lasso di tempo. A mamma e papà e’ stato detto di sentirsi liberi di intervenire tutte le volte che a loro parere i figli necessitavano di un aiuto, e ai comportamenti e’ stato attribuito un punteggio su una scala dell’intrusivita’. Alcuni genitori, in particolare, hanno guidato i figli alla soluzione del test assumendo le redini delle azioni, senza tenere conto dei bimbi e anzi cercando di ‘rimediare’ a loro eventuali mosse sbagliate. Test simili sono stati ripetuti a 8,9 e 11 anni e dai risultati, incrociati con quelli sulla salute mentale, e’ emerso che il 60% dei bimbi, con genitori considerati invadenti, era molto critico verso se stesso e ciò faceva aumentare il rischio di ansia e depressione. Secondo gli studiosi, i genitori, più che far sentire i bambini in colpa per non essere riusciti a svolgere correttamente un compito, dovrebbero partire dai loro punti di forza passando solo successivamente agli errori commessi, considerando questi ultimi opportunità di crescita per i più piccoli.