fbpx

I mille volti della BPCO

Scarica la Brochure

Informazioni
Provider ECM AV Eventi e Formazione
Crediti ECM  6.4
Data 6 Giugno 2015
Costo Gratuito con obbligo d'iscrizione
Location  Forlì
Destinatari Medici di Medicina Generale e specialisti in Allergologia e Immunologia clinica – Malattie dell’apparato respiratorio – Cardiologia – Medicina Interna

La patologia ostruttiva delle vie aeree rappresenta una delle principali cause di morbilità e mortalità sia nei paesi industrializzati che in quelli in via di sviluppo, con importanti implicazioni socio-economiche. I dati globali relativi a tutti i continenti, elaborati dall’Organizzazione Mondiale della Sanità, indicano che la prevalenza della BPCO, relativa ad entrambi i sessi e a tutte le fasce d’età, riportata dalle linee guida GOLD, si attesterebbe fra 7.33 e 9.34 casi per 1000 abitanti.

Queste stime, tuttavia, secondo molti autorevoli studiosi potrebbero non riflettere la reale dimensione epidemiologica del problema. Per le prossime decadi, le proiezioni epidemiologiche prevedono un ulteriore incremento dell’incidenza e della prevalenza della BPCO. Nella BPCO esiste un substrato patogenetico infiammatorio derivante da complesse interazioni tra fattori genetici predisponenti e fattori ambientali. Gli studi di biologia cellulare e molecolare, unitamente ai rilievi cito e isto-patologici eseguibili sul liquido di lavaggio bronco-alveolare, sull’espettorato indotto e sulle biopsie bronchiali, stanno contribuendo in maniera sostanziale a caratterizzare la risposta infiammatoria ed a precisarne i meccanismi specificamente coinvolti nella BPCO.

Infine, rilevanti progressi sono stati realizzati nella precisazione dei fenomeni di rimodellamento strutturale delle pareti delle vie aeree, che si affermano in questa patologia. Un importante rilievo assumono oggi gli studi di real life per un’appropriata valutazione dell’impatto che hanno le terapie validate da studi sperimentali sull’intera popolazione di pazienti con patologia ostruttiva delle vie aeree, approfondendo inoltre il rapporto costo/beneficio delle varie opzioni terapeutiche. Il ruolo della terapia farmacologica, e in particolare dei broncodilatatori e dei cortisonici per via inalatoria, si rileva determinante nel rallentare il progredire della patologia ostruttiva e nel migliorare la sintomatologia dei pazienti. Nell’ambito della terapia non farmacologica, la riabilitazione respiratoria si rivela anch’essa di notevole importanza nel migliorare le prestazioni e la prognosi del paziente con BPCO ed è tra gli scopi di questo corso divulgarne la conoscenza.