fbpx

Le Instabilità Gleno-Omerali

instabilità

Informazioni
Provider ECM AV Eventi e Formazione
Crediti ECM  24
Data 20 – 21 Marzo 2015
Costo 350 €
Location  Parte Teorica: Forlì – Parte Pratica: Faenza
Destinatari Fisioterapisti

L’instabilità è una condizione patologica che si manifesta con dolore associato ad un eccessivo spostamento della testa omerale nella glenoide durante il movimento attivo della spalla. Non bisogna confondere la lassità con l’instabilità: la lassità è rappresentata da una passiva traslazione della testa omerale nella glenoide che non si associa a dolore.

È presente in vario grado in una spalla normale, è asintomatica ed è richiesta per consentire un fisiologico movimento gleno-omerale senza restrizioni. Il grado di lassità può essere condizionato dall’età, dal sesso, da fattori congeniti, ecc.
La lassità, a sua volta, può rappresentare un fattore di rischio per lo sviluppo di una instabilità clinica.

Il primo caso descritto di instabilità della spalla si trova in uno dei più vecchi libri scritti dall’uomo, il Papiro di Edwin Smith (3000-2500 a.C).
In letteratura sono state descritte più di 150 tecniche chirurgiche utilizzate per curare i pazienti con lussazione recidivante, da quelle invasive e invalidanti a quelle più funzionali:
Le vecchie tecniche chirurgiche utilizzavano: ancore, trasposizione muscolare del sottoscapolare, accorciamento del sottoscapolare, trasferimento della coracoide, osteotomia dell’omero, ecc.In tutti i casi, spesso si verificava una grossa perdita di mobilità specialmente in extrarotazione. Tale perdita di movimento poteva condurre ad artrosi postoperatoria gleno-omerale.

Attualmente le tecniche chirurgiche tendono a restaurare i normali rapporti gleno-omerali attuando una riparazione il più possibile anatomica. Un intervento riuscito non deve raggiungere solo la stabilità dell’articolazione, ma anche eliminare il dolore e concedere un arco di movimento pressoché normale. Un buon risultato può essere rappresentato dalla perdita di 5°-7° di rotazione estern mi explicación