fbpx

ITALIANI ALL’ESTERO. MINISTERO DEGLI ESTERI E SPALLANZANI SIGLANO UN ACCORDO DI COLLABORAZIONE

l’Istituto nazionale per le malattie infettive Lazzaro Spallanzani di Roma e il Ministero degli esteri hanno siglato un accordo di collaborazione in materia di sicurezza sanitaria degli italiani all’estero.

Le due istituzioni lavoreranno in tandem per migliorare la tutela sanitaria di tutti gli italiani che partiranno per turismo o per andare a vivere all’estero.

I medici dello Spallanzani stanno già collaborando con l’unità di crisi della Farnesina per aggiornare il sito www.viaggiaresicuri.it, con informazioni sulle cosiddette “malattie del viaggiatore”.

Nelle schede dei singoli Paesi l’utente potrà verificare quali siano le patologie endemiche presenti, le eventuali precauzioni da adottare, nonché specifiche informazioni sulle condizioni delle principali strutture sanitarie del Paese.

Grazie all’accordo quadro firmato, lo Spallanzani si impegna, in casi di eccezionale gravità ed urgenza che riguardano gli italiani all’estero, di mettere a disposizione il proprio personale estero su richiesta dell’Unità di Crisi.

Inoltre, la collaborazione tra la Farnesina e l’Istituto si estenderà anche in settori strategici quali l’assistenza a distanza nel caso di calamità naturali e al rientro di connazionali da zone endemiche.

“Lo Spallanzani mette a disposizione dell’Unità di crisi le proprie competenze – ha sottolineato il direttore scientifico dell’Istituto, Giuseppe Ippolito – al fine di garantire anche ai nostri connazionali una ulteriore possibilità di guida, orientamento e supporto (clinico, diagnostico, epidemiologico, preventivo e di ricerca) nei confronti delle malattie infettive. E’ questa una ottima occasione per sviluppare ulteriori sinergie allo scopo di integrare i temi di sicurezza sanitaria e l’attività di prevenzione ed assistenza ai connazionali all’estero fornita dal Ministero degli Affari Esteri. Consente inoltre di mettere in comune informazioni relative a specifiche situazioni sanitarie ed epidemiologiche all’estero”.

”Sinergia, collaborazione, condivisione di conoscenze e strumenti sono i capisaldi del nostro operare – ha commentato il commissario straordinario dello Spallazani Marta Branca – ed oggi, nel nostro Paese come tra la comunità internazionale, diventa sempre più imperativa l’integrazione di tutte le risorse presenti, attraverso un mutuo scambio tra le organizzazioni di esperienze e conoscenze specifiche. Insieme collaboreremo quindi ad aumentare la capacità di risposta ad eventi allarmanti e a sviluppare modelli di promozione di stili di comportamento sicuro per i viaggiatori”