Medical News

La prevenzione cardiovascolare, intervista al prof. Francesco Barillà

Quali sono le linee guida per la migliore prevenzione delle malattie cardiovascolari? Quando si parla di prevenzione cardiovascolare, si intendono tutte quelle pratiche volte a ridurre i fattori di rischio cardiovascolare, ovvero l’insieme di condizioni che incrementano il rischio di infarto entro i successivi 10 anni. È opportuno ricordare che alcuni di questi fattori non sono modificabili, come l’età o la familiarità con patologie cardiache, e che gli uomini sono maggiormente esposti a questo pericolo rispetto alle donne. Altri però, sono assolutamente modificabili e lo stile di vita incide pesatamente su essi.
Ancora oggi in Italia e nel mondo le patologie che colpiscono l’apparato cardiovascolare rappresentano la prima causa di morte. Per questo è opportuno promuovere azioni di prevenzione cardiovascolare per favorire stili di vita sani  e per ribadire l’importanza di sottoporsi a controlli periodici.

Ne abbiamo parlato con il prof. Francesco Barillà, presidente FINSIC della Società Italiana di Cardiologia,  Professore associato di Cardiologia presso l’Università di Roma Tor Vergata, direttore della Scuola di specializzazione malattie cardio vascolari.

La video intervista è stata realizzata a Salerno in occasione del 1° Congresso “Giornate centro-meridionali sull’ipertensione e le malattie dismetaboliche”, organizzazione AV Eventi e Formazione, responsabile scientifico il prof. Pasquale Perrone Filardi, presidente SIC (Società Italiana di Cardiologia), Professore Ordinario di Cardiologia, Direttore della Scuola di Specializzazione in Malattie dell’apparato cardiovascolare dell’Università Federico II di Napoli e responsabile del PI di Cardiomiopatie ed ipertensione polmonare del Policlinico federiciano.

L’evento è stato organizzato con il contributo non condizionante di IBSA. La video intervista è stata realizzata dal direttore di Medicalive Magazine, Salvo Falcone.
[divide]Guarda qui tutte le altre video interviste realizzate al 1° Congresso “Giornate centro-meridionali sull’ipertensione e le malattie dismetaboliche”