fbpx

Maratona Fondazione Telethon

Da domenica al 18 dicembre sulle reti Rai contro malattie genetiche rare

Un appello alle persone ad essere ‘presenti’, rispondendo cioè con donazioni e azioni: è quello che lancia Telethon, la maratona televisiva dell’omonima Fondazione per sostenere e finanziare la ricerca sulle malattie genetiche rare, la cui 27/ma edizione parte domenica 11 dicembre fino al 18. 

Le persone affette da una malattia genetica rara e le loro famiglie, si legge in una nota della Fondazione Telethon, hanno infatti bisogno di persone “presenti”: per questo il titolo della campagna di quest’anno è “Presente” (#presente) e la Rai è stata tra i primi a rispondere.

    Numerose le novità di quest’anno. Per la prima volta la Maratona inizierà con il “Telethon show”, solitamente previsto nel weekend di chiusura della settimana. Domenica 11 dicembre Rai Uno ospiterà una serata di spettacolo e solidarietà che darà il via alla Maratona settimanale. 

A rispondere “presente” per la conduzione del “Telethon show” Fabrizio Frizzi, che da molti anni affianca la Fondazione in questa straordinaria maratona, e con lui Mara Venier. Tra i numerosi ospiti della serata le tuffatrici Tania Cagnotto e Francesca Dallapè, protagoniste di un cortometraggio con Salvo, un bambino affetto dalla rara sindrome Kabuki, e alcuni rappresentanti dell’AS Roma, protagonisti di un corto con Niccolò, bambino affetto da emofilia e tifoso della Roma.

    Nel corso del “Telethon show” verranno inoltre proiettati il cortometraggio “Io Sono” realizzato da Rai Cinema, che racconta come il giovane Antonio affronta ogni giorno l’atrofia muscolare spinale e un video di carattere divulgativo sulla beta talassemia.

La maratona televisiva continuerà per tutta la settimana vedendo alla conduzione coppie televisive inedite come Giancarlo Magalli e Monica Leofreddi, Arianna Ciampoli con Fede & Tinto e Paolo Belli, Francesca Fialdini e Tiberio Timperi, Eleonora Daniele e Alberto Matano, Camila Raznovich con Fabrizio Frizzi, dal Social Studio Giulia Valentina.