Medical News

Medicina d’avanguardia, a Siracusa il focus sulla chirurgia protesica robotizzata

Anche in Sicilia la robotica entra in sala operatoria per aiutare con maggiore precisione nelle cure mediche dei pazienti e per assistere e supportare le equipe. La città di Siracusa ha fatto da apripista in Sicilia. Già nei mesi scorsi il reparto di chirurgia ortopedica, guidato dal dott. Emanuele Lombardo all’interno dell’istituto ortopedico Villa Salus, ha infatti avviato l’utilizzo, per la prima volta nell’isola, del modernissimo robot di ultima generazione “Omnibotics”, prodotto da Corin, nell’ambito della chirurgia interventistica al ginocchio. Una rivoluzione che ha reso ancora più d’eccellenza il reparto, tra i più importanti a livello regionale sia per numeri di interventi che per il qualificato team medico che vi opera. In questi primi mesi di utilizzo è stata già raccolta un’interessante casistica analizzata all’interno del focus dal titolo ““Chirurgia protesica robotizzata – presente e futuro”. Prima alla sala conferenze dell’hotel Parco delle Fontane e poi in live surgery dalle sale operatorie di Villa Salus, il dott. Lombardo ha illustrato i benefici clinici dell’utilizzo della chirurgia robotica nell’artoprotesi del ginocchio e nel flusso di lavoro robotico per la protesi totale del ginocchio.

“Il robot di ultimissima generazione – spiega il dott. Lombardo – permette da un lato un netto miglioramento della tecnica chirurgica e dall’altro il perfetto bilanciamento cinematico della protesi al ginocchio. Passi in avanti importanti che si traducono per i pazienti in numerosi effetti positivi durante la riabilitazione post-operatoria. Grazie all’importante investimento economico della proprietà, con l’utilizzo del robot continuiamo ad offrire un servizio di altissima qualità per quanto riguarda la chirurgia protesica, tra l’altro sempre in primo piano all’interno di Villa Salus. Il robot segue le varie fasi dell’intervento creando un’interconnessione tra le mani di chi opera e i sensori applicati al ginocchio, permettendo un perfetto allineamento e riducendo anche in futuro la necessità delle revisioni. Risultati positivi che presto andremo a replicare anche negli interventi di spalla e anca”.

Una giornata intensa ma che ha mostrato come anche in Sicilia la medicina d’avanguardia è già una realtà affermata.