Meningite Milano: ISS, studentesse uccise da stesso batterio

Assessore Gallera, impossibile determinare identità genetica

Le due studentesse di Milano uccise dalla meningite erano state infettate dallo stesso batterio. Lo afferma Walter Ricciardi, presidente dell’Istituto Superiore di Sanità. “È lo stesso batterio che ha provocato il caso di luglio. Si tratta di un meningococco di tipo C di un ceppo che sembra aggressivo. Per ora ci sono stati casi sporadici, ma la scoperta incoraggia tutte le strategie per la prevenzione, che sono la profilassi già fatta sui contatti stretti”.
    L’assessore regionale alla Sanità, Giulio Gallera, ha da parte sua precisato che “dall’analisi richiesta ed eseguita dall’Istituto Superiore di Sanità sul materiale biologico disponibile, l’ATS Milano ha comunicato che non e’ possibile determinare con certezza l’identità genetica con il ceppo di meningococco del caso segnalato a luglio scorso”. Le vaccinazioni delle 140 persone per le quali l’ATS ha previsto la somministrazione di vaccino cominciano venerdì prossimo “ma non vi è alcuna necessita’ di una vaccinazione generale”.