fbpx

La menta un’arma in più contro la demenza

Contiene sostanze che contrastano processi dell’Alzheimer

Estratti di menta potrebbero avere un ruolo nella lotta all’Alzheimer. Lo suggerisce uno studio pubblicato sul Journal of Functional Foods da Charles Sturt University in Australia. La menta è un’erba tradizionalmente associata a effetti positivi sulla memoria. Gli esperti australiani hanno testato diversi tipi di menta in laboratorio per scoprire se la “saggezza popolare” trova effettivamente riscontro in evidenze scientifiche. Le osservazioni in laboratorio hanno dimostrato che la menta ha fortissimi effetti antiossidanti (che potrebbero aiutare a combattere i radicali liberi associati all’Alzheimer).
Inoltre i ricercatori hanno visto che contiene numerose sostanze chimiche che potrebbero aiutare le capacità cognitive di pazienti con forme lieve e moderata di malattia. Lo studio, condotto da Paul Prenzler, individua nel contenuto in sostanze dette biofenoli presente nei diversi estratti di menta, il ‘principio attivo’ dell’erba con potenziale azione protettiva contro la demenza. Infatti i biofenoli sembrano avere un’azione di inibizione dell'”acetilcolinesterasi”, enzima che danneggia un neurotrasmettitore implicato nella memoria, l’acetilcolina.