fbpx

Nanorazzi con sterzo e freni per trasportare farmaci

Sono morbidi e cambiano forma

Costruiti nano-razzi con tanto di ‘sterzo’ e freni per recapitare i farmaci al posto giusto all’interno del corpo umano. Descritti sulla rivista Nature Chemistry, sono stati ottenuti dai chimici della Radboud University, nei Paesi Bassi. ”La sfida più grande è stata quella di costruire nanorazzi con diverse funzioni” ha rilevato Daniela Wilson, che ha coordinato la ricerca.
I nanorazzi
Costruiti con materiali morbidi simili alla gomma, i ‘nanorazzi’ possono cambiare forma e possono adattarsi a ospitare un carico, come per esempio un farmaco. Ma ciò che li rende unici sono i freni che permettono a queste nanomacchine di fermarsi nei luoghi desiderati. I freni si attivano in risposta alla temperatura e questa caratteristica permette ai nanorazzi, per esempio, di fermarsi nei tessuti malati dove le temperature sono più elevate. I freni sono costituiti da minuscole spazzole disposte sulla superficie dei nanorazzi che si gonfiano o comprimono in risposta alla temperatura ambiente. In questo modo le spazzole regolano l’accesso al combustibile, che è costituito dall’acqua ossigenata. Per esempio a temperature superiori a 35 gradi centigradi, le spazzole si contraggono, chiudono la valvola del carburante e fanno arrestare le nanomacchine.