fbpx

Il naso ha quattro geni: aiuteranno la scientifica a ricostruire i volti

Aquilino, all’insù, greco o a patata: a decidere la forma del naso sono quattro geni ‘architetto’. La scoperta da un lato aiuta a capire come la faccia umana è stata modellata nel tempo, mentre dall’altro può fornire un aiuto alla polizia scientifica per ricostruire un volto a partire dall’analisi del Dna. Pubblicata su Nature Communications, la scoperta si deve al gruppo guidato da Kaustubh Adhikari, dell’University College London (Ucl).



Analizzando il Dna di oltre 6.000 persone che vivono in America Latina (Brasile, Colombia, Cile, Messico e Perù), i ricercatori hanno identificato quattro geni che svolgono un ruolo nel controllo della forma del naso e uno coinvolto nella forma del mento. I geni GLI3, DCHS2 e PAX1 controllano la crescita della cartilagine, mentre RUNX2 controlla quella delle ossa del naso. Inoltre, GLI3 e PAX1, decidono anche l’ampiezza delle narici e DCHS2 controlla anche la forma della punta. Il gene EDAR, invece, controlla la forma del mento.



”Trovare il ruolo svolto da ogni gene ci aiuta a ricostruire il percorso evolutivo dell’uomo, dai Neanderthal agli esseri umani moderni” ha detto Adhikari. Inoltre, ha aggiunto ”ci aiuta a comprendere come i geni influenzano il nostro aspetto, e questo è importante nelle applicazioni forensi”.