fbpx

Nuova campagna choc contro l’abuso di alcol

alcol

La Società italiana di alcologia ha lanciato da Genova una campagna shock contro l’abuso di alcol che verrà diffusa in ospedali, Asl e presso i medici di famiglia. Un tumore immerso in un bicchiere di birra è questa l’immagine scelta per comunicare che “le bevande alcoliche sono cancerogene per l’uomo”.

“Lo dice l’Oms, è un’evidenza scientifica dal 2010 – spiega il responsabile del Centro alcologico regionale Gianni Testino – Nutrizionisti e cardiologi che continuano a consigliare un bicchiere di vino al giorno dovrebbero anche dire che così si aumenta il rischio di avere un tumore perché l’etanolo è nel gruppo 1 dei cancerogeni come l’amianto”.

Il referente del Centro nazionale di ricerca alimenti e nutrizione di Roma Andrea Ghiselli ha comunicato che secondo le nuove linee nutrizionali “l’etanolo non è un nutriente” e quindi andrebbe tolto dalla dieta.

I dati Istat di una ricerca dell’aprile scorso dicono che se cala il consumo quotidiano di alcol durante il pasto, aumentano i consumi eccessivi e le sbronze sopratutto presso i giovani.

Lo sballo del fine settimana hanno riguardato oltre 8 mln di cittadini (15,2% della popolazione contro 15,9% nel 2013). Però dai 18 anni in su, un italiano su quattro è a rischio malattie legate all’alcol, con percentuali preoccupanti tra gli adolescenti, ai quali a norma di legge, non dovrebbero essere serviti o venduti gli alcolici. In aumento il fenomeno dello sballo del fine settimana (cosidetto Binge-drinking) che coinvolge il 14,5% dei giovani tra i 18 e 24 anni. In Liguria la sbronza alcolica del fine settimana colpisce il 9% dei maschi e il 4,4% delle femmine tra i 16 e i 17 e uno su quattro tra i 18 e i 24 anni