Progetti di volontariato e solidarietà nell’ Asl 11

La solidarietà non conosce confini e la cooperazione internazionale con i Paesi più svantaggiati, nella quale si impegnano alcuni operatori dell’Asl 11, conta all’attivo diversi progetti validi e meritori, ma sui quali molto spesso si è poco informati. I progetti promossi dall’ASL 11:
Un farmaco può salvare una vita 

L’Asl 11 in collaborazione con le Associazioni di volontariato Misericordia, Pubblica Assistenza e Croce Rossa Italiana e il Gruppo Scout Empoli 1 ha aderito al progetto “Un farmaco può salvare una vita”, finalizzato al recupero dei medicinali inutilizzati, ma integri e non scaduti da impiegare per l’assistenza sanitaria delle persone in difficoltà. Il progetto “Un farmaco può salvare una vita” ha previsto l’installazione, in una prima fase di sperimentazione, di tre box per la raccolta dei farmaci inutilizzati presso le sedi della Misericordia di Empoli, della Pubblica Assistenza di Fucecchio e all’ingresso dell’ospedale “San Giuseppe” in via Boccaccio, a Empoli. I box installati rappresentano un’opportunità, per chi lo desidera, di donare quei farmaci di cui non necessita ai più bisognosi e, grazie al materiale informativo di cui sono corredati, uno strumento per conoscere più approfonditamente i gravi problemi sanitari che affliggono i Paesi più poveri. Non possono essere inseriti nei box farmaci scaduti, flaconi o tubetti già aperti, prodotti da conservare in frigo. Periodicamente, con un sistema a turnazione, le tre Associazioni di volontariato si occupano di ritirare i farmaci lasciati nei box presso i vari centri di raccolta e, quindi, li consegnano direttamente al Centro Missionario Medicinali di Firenze, un’associazione di volontariato nata a Firenze nel novembre 1977, che raccoglie e invia gratuitamente farmaci, presidi medico-chirurgici e prodotti per bambini a operatori sanitari e missionari che operano negli ospedali e nei dispensari dei paesi del Sud del mondo e dell’Est Europa, ma anche nelle strutture Caritas e case-famiglia sul nostro territorio. Grazie a “Un farmaco può salvare una vita” si riesce a ridurre lo spreco dei medicinali, trasformare i farmaci inutilizzati da potenziali rifiuti in strumenti salvavita e, al contempo, contribuire a migliorare l’assistenza sanitaria delle popolazioni più povere e delle famiglie più svantaggiate.

Adotta una gravidanza 

“Adotta una gravidanza” favorisce l’assistenza sanitaria delle gestanti nel distretto sanitario di Meckhé, nella regione di Thiès, in Senegal. Il progetto, curato da Adele Carli Ballola, Monica Menichetti e Giuseppe Neri, operatori sanitari dell’Asl 11, e da Andrea Scibetta, nasce dal loro viaggio in Africa, dove i tre professionisti dell’Asl 11 hanno potuto vivere, constatare e lavorare nella situazione sociale e nelle condizioni sanitarie del villaggio senegalese. “Adotta una gravidanza” si inserisce nell’ambito del progetto della Regione Toscana “Gravidanza sicura a Meckhé” in partenariato con l’associazione Cielo d’Africa onlus.

Dream 

DREAM, “Drug Resources Enhancement against AIDS and Malnutrition” è un programma creato dalla Comunità di Sant’Egidio e avviato nel Febbraio 2002 per combattere l’AIDS nell’Africa sub-sahariana. Il progetto ha un approccio globale, combinando la terapia antiretrovirale con il trattamento della malnutrizione, della tubercolosi, della malaria e delle malattie a trasmissione sessuale. Particolare attenzione è stata dedicata all’educazione sanitaria a tutti i livelli. Il principale obiettivo è stato raggiunto attraverso la realizzazione di un servizio gratuito di diagnosi e trattamento. La prevenzione della trasmissione dell’HIV attraverso i servizi di assistenza domiciliare e presso la comunità (Community Care and Home Care services) e della trasmissione madre-figlio sono componenti chiave del programma.