fbpx

Protagonisti e interpreti della sociologia sanitaria

1341_1_9La sociologia sanitaria è certamente in grande fermento, essendole state aperte le porte di un successo per certi versi legato al suo stesso rapido sviluppo. Quali sono, tuttavia, gli interrogativi rispetto ai quali il suo oggetto si è via via costituito? Alcuni tra questi si rinnovano quotidianamente intorno alle vicende riguardanti il contesto medico-sanitario. Come si modellano, infatti, le scelte terapeutiche? Quali complessi fattori di ordine socio-culturale orientano la stessa disposizione a far ricorso al sapere medico? Quali aspettative più o meno consolidate riguarderanno, poi, la relazione clinica? E come considerare le ripercussioni della patologia sulle dinamiche interpersonali e sulla titolarità dei ruoli? Altri, naturalmente, si correlano alle mille perplessità sorte intorno alla medicina genomico-predittiva, alle nuove frontiere della genetica comportamentale. Mentre altri ancora traggono spunto dai percorsi di razionalizzazione della pratica medica che hanno maggiormente inciso sulla sua attuale configurazione professionale.
Comprensibilmente, quindi, in riferimento ad uno scenario così complesso, la ricostruzione delle coordinate teoriche e operative di tale disciplina non sembra potersi riferire al compimento di un’iniziativa soltanto didascalica. Si rivela piuttosto nei termini di una vera e propria sfida da condurre con la consapevolezza di quanto importanti siano l’equilibrio e l’essenzialità nell’esposizione dei temi, di quanto possa essere determinante che l’iter argomentativo sia adeguatamente corredato di riferimenti sia alla tradizione classica, sia al dibattito più attuale sorto intorno a tali aspetti del comportamento sociale.
Auspicando che la sua valorizzazione possa concernere i più diversi ambiti, non soltanto quelli accademici, cioè, prevalentemente disposti alla realizzazione di piani didattici, ecco allora le ragioni della presente scelta editoriale: un’introduzione in forma manualistica all’analisi dei precedenti interrogativi. Una rassegna teorica e storiografica improntata al rigore istituzionale e alla messa in risalto dei profili di un sapere nei suoi molteplici versanti applicativi.Roberto Vignera è professore associato di Sociologia generale presso la Facoltà di Scienze politiche dell’Università di Catania. I suoi interessi di ricerca e la sua produzione scientifica si orientano prevalentemente verso tematiche medico-sanitarie di particolare rilevanza per l’analisi sociologica. Tra le sue pubblicazioni più recenti: Dopo Parsons? Il dibattito epistemologico nella sociologia sanitaria italiana, “Salute e Società”, Angeli, Milano, 2004; Dinamiche familiari e patologia mentale: il declino di un ambito tematico, “Sociologia e Ricerca Sociale”, Angeli, Milano, 2004.

Indice

I. Modelli teorici
I fondamenti socio-culturali
(Il modellamento delle scelte terapeutiche; Cultura tecnica e cultura profana; Alcuni modelli di health-illness behavior)
Metafore e analogie nella tradizione sociologica
(Figurazioni retoriche; Comte: le spiegazioni sintetiche della realtà sociale; L’organicismo di Spencer; La critica marxiana; Normalità e patologia in Durkheim)
Nel cuore del sistema sociale
(L’analisi dei social problems a Chicago; Parsons: i fondamenti del realismo analitico; Personalità, organismo e sistema sociale; Patologia e devianza; Ruoli e aspettative istituzionalizzate; L’abbandono della dipendenza regressiva)
La grande sfida
(Il luogo concettuale dell’inautentico; Adattamento Vs integrazione: Twaddle; In riferimento alla patologia cronico-degenerativa; Le avversioni più radicali; Scelte strategiche; I dilemmi della medicina predittiva)
II. Ricostruzione storiografica
Premessa
La razionalizzazione delle pratiche mediche
(Il disincantamento del mondo; Il sacrificio dell’intelletto; La medicina e la sua storia: le coordinate temporali; I sogni nel tempio; Il nome di Igea e Panacea; La tradizione e le sue terapie; Modernità e rigore diagnostico; Un dualismo irriducibile; L’ultima metamorfosi)
Riferimenti bibliografici.