fbpx

PROTESI AL SENO, IN FRANCIA 18 NUOVI CASI SOSPETTI DI CANCRO

PARIGI – Nuovo allarme sul rapporto tra protesi mammarie e cancro in Francia. Arriva come una doccia fredda il rapporto del ministero della Salute d’Oltralpe in cui si parla di una forma rara di tumore che sarebbe fino a 200 volte più comune fra le donne che hanno ricevuto un impianto al seno. Nel dettaglio gli esperti avrebbero riscontrato un collegamento tra i 18 casi segnalati di linfoma anaplastico a grandi cellule e la presenza di protesi mammarie. Dunque dopo il caso PIP, con la fabbricazione di impianti difettosi, le autorità sanitarie stanno valutando con attenzione quanto recentemente scoperto: si tratta comunque di un numero di casi molto limitato, dato che dal 2011 sono state circa 400.000 le donne che in Francia si sono ritoccate il seno. Dal momento, però, che il ricorso alle protesi aumenta progressivamente, gli studiosi sono preoccupati.
“Se dovremo intervenire per introdurre dei divieti, lo faremo” ha detto François Hébert, dell’Agenzia nazionale farmaci e salute (Ansm) francese. Il ministro della Sanità Marisol Touraine, tuttavia, rassicura precisando che non c’è alcuna raccomandazione che le donne si facciano rimuovere le protesi.

17 marzo 2015