Ricciardi (Iss), bene studio italiano su dipendenza cocaina

Sarebbe il primo trattamento al mondo efficace e non invasivo

Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità Walter Ricciardi si congratula con i ricercatori guidati da Luigi Gallimberti che, insieme con l’Irccs San Camillo di Venezia e con il Dipartimento di Neuroscienze dell’Università di Padova, hanno individuato ”un trattamento efficace, sicuro e non invasivo per ridurre la dipendenza da cocaina”. Lo studio pilota fatto su 32 pazienti e pubblicato nella rivista European Neuropsychopharmacology, spiega come impulsi magnetici indirizzati al cervello dall’esterno – in modo non invasivo e indolore attraverso la stimolazione magnetica transcranica – possono cancellare la dipendenza da cocaina. “Questi importanti risultati, messi a disposizione con passione e generosità dai ricercatori a tutta la comunità scientifica internazionale, sono il segno della ricerca italiana che coniuga etica e salute e sono la prova di un impegno i cui effetti hanno un valore enorme sia per gli individui sia per la collettività”, precisa Ricciardi ” Questo studio ci assegna, inoltre, – precisa Il Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità – un ruolo importante nel panorama internazionale come mostra anche l’entusiasmo riservato dagli NIH americani alla pubblicazione di questa nuova metodica di disassuefazione”. Il trattamento appena scoperto, sarebbe il primo al mondo effettivamente in grado di ridurre la dipendenza da cocaina targato Italia.