fbpx

Uno scienziato Usa predice rischio infarto con elettrocardiogramma

Messo a punto nuovo utilizzo del test

Gli arresti cardiaci colpiscono d’improvviso, sono spesso fatali e non c’è modo di prevederne i rischi, in quanto avvengono per una sorta di corto circuito elettrico. Non come gli infarti che colpiscono per occlusioni arteriose spesso individuabili in anticipo. Ma ora, per la prima volta, uno scienziato Usa ha messo a punto una modalità che promette di quantificare i pericoli individuali.
Usando un ‘antico’ e non costoso test – l’elettrocardiogramma – e dopo aver studiato migliaia di pazienti, Sumeet Chug, direttore dell’Istituto di Cardiologia Genomica del prestigioso Cedars-Sinai Heart Institute, avrebbe trovato la chiave per predire i rischi di un disturbo che colpisce circa 1.000 persone al giorno, 350.000 l’anno secondo l’American Heart Association.
”Quasi sempre quando l’arresto avviene è troppo tardi”, ha osservato Sumeet Chugh -. Ogni minuto che passa c’è il 10% in più di possibilità di morte”.
Ma Chugh ha scoperto 6 punti esatti nel tabulato dei dati degli elettrocardiogrammi che rivelano importanti informazioni sul cuore: quanto pompa, la sua carica elettrica ecc. Sulla base di queste informazioni, lo scienziato ha assegnato ‘punteggi di rischio’ – da zero a sei – che indicano i pericoli di arresto cardiaco per ognuno. Un punteggio da 4 in sù indicherebbe una probabilità 20 volte più alta della media di soffrire un arresto cardiaco. Chugh ha confermato la sua teoria su pazienti: la metà di quelli che soffriranno un arresto cardiaco presentano i dati di rischio che possono venire individuati nei 6 punti dell’elettrocardiogramma.