fbpx

Sesso sbagliato sui campioni genetici

I tessuti classificati come maschili sono invece femminili

I campioni di materiale genetico non sempre sono ‘affidabili’ come si potrebbe pensare: in quasi la metà dei casi infatti viene fatta confusione sui sessi e i campioni che appartengono a donne vengono etichettati come maschili, e viceversa. Lo indica l’analisi condotta in 70 banche dati sui campioni di Rna messaggero, e pubblicata sul sito bioRxiv dai ricercatori guidati da Lilah Toker, dell’università della British Columbia.
Questi scambi però, probabilmente dovuti ad errori accidentali nell’etichettare i dati, ma anche a contaminazioni cellulari tra i campioni originali, possono avere effetti incalcolabili sulla validità dei confronti fatti negli esperimenti di genetica condotti in tutto il mondo. Anche se negli ultimi anni si è molto lavorato per ridurre gli errori negli studi sull’Rna, i ricercatori hanno scoperto che continuano ad esserci nel modo in cui i campioni vengono classificati dopo i controlli di routine sulla qualità fatti sui vari gruppi di dati. Una conclusione cui sono arrivati esaminando i dati sull’Rna messaggero (mRna) di 70 banche dati su campioni di tessuto umano, e cercando di confermare il sesso dei tessuti, attraverso alcuni geni specifici. Hanno così scoperto discrepanze ed errori nella classificazione del sesso e i risultati sull’Rna in 32 banche dati su 70.
Tuttavia, uno studio pubblicato nel 2015 sulla rivista Nature e condotto su circa 2.000 linee cellulari, aveva rilevato che centinaia di campioni, originariamente classificati come maschili, risultavano invece essere femminili sulla base di test genetici, e solo 10, classificati come femminili, erano maschili. La spiegazione più probabile sembra essere la perdita del cromosoma Y, che contraddistingue il sesso maschile. E’ però anche vero, conclude Toker, che troppi laboratori non eseguono i controlli di autenticazione di base sulle cellule prima di fare gli esperimenti, e che i test genetici sul sesso dovrebbero essere lo standard in ogni laboratorio.