fbpx

Smart Working, Istituto di Ortofonologia indica come tornare al lavoro in presenza senza traumi

Lo smart working ha generato due situazioni opposte: da un lato ha creato rotture nei sistemi familiari deboli slatentizzando situazioni di crisi, dall’altro ha rinforzato legami nei sistemi familiari forti dove c’era un buono status psichico ed emotivo. In mezzo c’è il cosiddetto sistema misto: una parte della settimana in smart working e una parte in presenza in ufficio, un sistema che probabilmente aiuta tutti perché da un lato consente di riprendere la vita sociale, sia ai genitori che ai bambini, ma dall’altro consente anche di risparmiare ore di traffico e quindi energia quando si lavora da casa”. Bruno Tagliacozzi, coordinatore della Scuola di specializzazione in Psicoterapia Psicodinamica dell’età evolutiva Istituto di Ortofonologia (IdO)– Fondazione MITE, fotografa così la realtà delle famiglie italiane durante la pandemia. Oggi, però, quell’equilibrio casa-lavoro faticosamente trovato deve fare i conti con la prospettiva di un totale ritorno in presenza. “Sarà una situazione difficile da affrontare- evidenzia Tagliacozzi- già oggi il traffico è aumentato del 20% rispetto al periodo pre-Covid e vedere prolungati i tempi di arrivo al lavoro e di ritorno a casa, che già prima erano lunghi, soprattutto nelle grandi città, è un pensiero che per molti può essere insopportabile”. E allora come si possono aiutare i genitori a ritrovare l’armonia, a gestire uno stress quotidiano che dopo il periodo di pandemia sembra ancora più pressante? Come si ritrova l’equilibrio? Come si conciliano di nuovo vita lavorativa e vita familiare?
E’ per provare a dare una risposta a queste e altre domande che la scuola IdO-Mite ha organizzato un open day dal titolo: ‘Come aiutare la famiglia a tornare in presenza: giochi, favole ed esperienze’. Un appuntamento, in programma in diretta facebook giovedì 28 ottobre alle 13, nel corso del quale psicoterapeuti e psicoanalisti della scuola tracceranno un quadro di come stanno oggi bambini e genitori cercando di trovare il punto di equilibrio per salvaguardare l’assetto familiare.
Oltre a Bruno Tagliacozzi interverranno all’open day Magda Di Renzo, responsabile del Servizio terapie IdO e direttrice della Scuola specializzazione IdO-MITE; Robert Mercurio, psicoanalista junghiano e docente della Scuola specializzazione IdO-MITE; Renata Biserni, psicoterapeuta responsabile dei laboratori della Scuola specializzazione IdO-MITE.