fbpx

Con lo smog la memoria dei bambini è a rischio

Uno studio dell’Università di Barcellona pubblicato dalla rivista Environmental Pollution ha evidenziato i danni sulla memoria dei bambini, provocato dall’inspirazione dell’aria inquinata durante il tragitto per la scuola. 
Lo studio effettuato su 1.200 bambini tra 7 e 10 anni di 39 scuole e a tutti sono state misurate le performance della memoria e valutata la capacità di attenzione con test periodici per un anno.
I dati sono stati poi combinati con quelli sull’inquinamento da polveri ultrasottili (pm 2,5) e del loro componente nerofumo nelle aree attraversate dai bimbi. Il risultato ha stabilito che l’esposizione ai due inquinanti incide sulla memoria:più i bambini erano esposti a pm 2,5 e black carbon più i risultati sono stati peggiori rispettivamente del 5,4% e del 4,6%. Un risultato analogo è emerso anche sullo sviluppo cognitivo.
Il gruppo spagnolo, specifica che lo studio è stato condotto non per scoraggiare il tragitto a piedi (pratica motoria, tra l’altro, assolutamente benefica) ma per spingere i cittadini ad un uso più responsabile dei mezzi privati e inquinanti.