Medical News

Starnuto studiato al rallenty, così si diffondono i virus

Per capire come si diffondono le malattie e prevenirle
Un ‘pallone’ compatto che immediatamente si scompone, frammentandosi in miliardi di goccioline: e’ quello che succede quando si starnutisce e dalla bocca si libera un fluido fatto di saliva ed eventuali particelle di virus. Lo hanno ricostruito i ricercatori del Massachusset Institute of technology (Mit) di Boston, sulla rivista Experimental Fluids, dopo aver registrato e analizzato piu’ di 100 starnuti di persone sane.

Usando due telecamere ad alta velocita’ per catturare la frazione di secondo in cui la saliva viene espulsa fuori dalla bocca e poi spruzzata in aria, hanno notato che esiste uno schema comune nel modo in cui si starnutisce e si espelle questo fluido dalla bocca: all’inizio è compatto, in una forma piu’ o meno sferica, per poi destabilizzarsi e dispersi in miliardi di goccioline. Con delle piccole variazioni: più è elastica la saliva, piu’ viaggia prima di scomporsi in tante gocce. ”E’ importante comprendere come la saliva si scompone o frammenta”, spiega Lydia Bourouiba, coordinatrice dello studio, ”per capire come si diffondono le infezioni nell’ambiente, e identificare le persone che possono essere dei ‘super-spargitori”’.

Lo studio prende spunto da un precedente lavoro del Mit, in cui i ricercatori avevano mostrato che tosse e starnuti producevano nubi di gas capaci di trasportare goccioline infettive fino a 200 volte piu’ lontano di quello che farebbero normali gocce. Questa volta si sono concentrati sulla distribuzione delle gocce prodotta dallo starnuto, piu’ violenta rispetto a quella della tosse. Il prossimo passo sara’ ora studiare starnuti, tosse e altre modalita’ di infezione in persone sane e con raffreddore e influenza. L’obiettivo e’ arrivare a prevedere meglio e prevenire la diffusione delle malattie.