fbpx

SUPERBATTERI. DALL’AUSTRALIA UNA CURA PER DISTRUGGERLI

Scoperta una terapia per combattere i superbatteri resistenti agli antibiotici. L’annuncio viene dall’Università del Queensland (Australia). Il meccanismo sfrutta uno zucchero secreto da questi superbatteri e lo usa come un cavallo di Troia per entrare all’interno del batterio e ucciderlo.

Questa nuova terapia, assicurano i ricercatori, da poche possibilità al batterio di adattarsi, quindi di sviluppare una resistenza all’antibiotico che conterrà questo zucchero modificato.

Il composto non è saccarosio, ma un tipo speciale di zucchero prodotto dal batterio, scrive su Nature Communications il responsabile della ricerca, Matt Cooper dell’Istituto di Bioscienza Molecolare dell’ateneo

“I batteri hanno pareti simili a quelle di una casa di mattoni, e i mattoni sono tenuti insieme da polimeri di zucchero che agiscono da collante”, spiega. Cooper. I ricercatori hanno estratto lo zucchero prodotto dai batteri e lo hanno modificato chimicamente in modo da “trasformarlo in un’arma contro i batteri nelle cellule”.

“Abbiamo esaminato la forma di questa molecola e creato una raccolta di sostanze e di composti chimici molto simili in forma e grandezza a tale zucchero”, scrive lo scienziato. “Aggiungendo una molecola di zucchero modificato, si ferma il processo di adesione, distruggendo il muro di cellule e uccidendo il batterio. “Il muro delle cellule è stato già usato come obiettivo degli antibiotici come la penicillina e la vancomicina, ma la differenza qui è che blocchiamo una parte centrale e importante processo di adesione del muro di cellule”, spiega ancora Cooper