Medical News

L’Asp di Ragusa con l’ospedale “Giovanni Paolo II” e l’ospedale “Maggiore” ha ricevuto oggi da Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, due  Bollini Rosa sulla base di una scala da uno a tre, per il biennio 2020-2021. I Bollini Rosa sono il riconoscimento che Fondazione Onda, da sempre impegnata sul fronte della promozione della medicina di genere, attribuisce dal 2007 agli ospedali attenti alla salute femminile e che si distinguono per l’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie delle donne.

                                                               

Rispetto al Bando precedente, gli ospedali premiati sono aumentati, passando da 306 a 335. Oltre a una crescita in termini di numeri, assistiamo a un miglioramento della qualità: gli ospedali che hanno ottenuto il massimo riconoscimento, tre bollini, sono infatti passati da 71 a 96. Inoltre, 167 strutture hanno conquistato due bollini e 72 un bollino.

Una particolare attenzione è rivolta al tema della depressione che riguarda 3 milioni di persone in Italia, tra cui più di 2 milioni di donne. Per questo, Fondazione Onda assegna una “menzione speciale” a 10 ospedali con i Bollini Rosa che si distinguono per l’impegno sul tema della “depressione in un’ottica di genere”.

Tre i criteri di valutazione con cui sono stati valutati gli ospedali candidati: la presenza di specialità cliniche che trattano problematiche di salute specificatamente femminili e patologie trasversali ai due generi che necessitano di percorsi differenziati, di percorsi diagnostico-terapeutici e di servizi clinico-assistenziali in grado di assicurare un  approccio efficace ed efficiente in relazione alle esigenze e alle caratteristiche psico-fisiche della paziente e di ulteriori servizi volti a garantire un’adeguata accoglienza e degenza della donna tra cui il supporto di volontari, , la mediazione culturale e l’assistenza sociale.

A partire dal 7 gennaio 2020 sul sito www.bollinirosa.it sarà possibile consultare le schede degli ospedali premiati, suddivisi per Regione, con l’elenco dei servizi valutati.

News del giorno

L’Ospedale Israelitico di Roma ha conseguito oggi da Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, 2 Bollini Rosa sulla base di una scala da uno a tre, per il biennio 2020-2021. I Bollini Rosa sono il riconoscimento che Fondazione Onda, da tempo impegnata sul fronte della promozione della medicina di genere, attribuisce dal 2007 agli ospedali attenti alla salute femminile e che si distinguono per l’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie delle donne.

Un’apposita commissione multidisciplinare, presieduta da Walter Ricciardi, Direttore del Dipartimento di Scienze della Salute della Donna, del Bambino e di Sanità Pubblica del Policlinico Gemelli di Roma, ha convalidato i bollini conseguiti dagli ospedali nella candidatura considerando gli elementi qualitativi di particolare rilevanza e il risultato ottenuto nelle diverse aree specialistiche presentate.

Tre i criteri di valutazione con cui sono stati valutati gli ospedali candidati: la presenza di specialità cliniche che trattano problematiche di salute specificatamente femminili e patologie trasversali ai due generi che necessitano di percorsi differenziati, di percorsi diagnostico-terapeutici e di servizi clinico-assistenziali in grado di assicurare un  approccio efficace ed efficiente in relazione alle esigenze e alle caratteristiche psico-fisiche della paziente e di ulteriori servizi volti a garantire un’adeguata accoglienza e degenza della donna tra cui il supporto di volontari, la mediazione culturale, religiosa e l’assistenza sociale.

“Il conferimento per il biennio 2020-2021 dei Bollini Rosa all’Ospedale Israelitico di Roma conferma ancora una volta – ha dichiarato il Presidente dell’Ospedale Israelitico, Avv. Bruno Sed – l’attenzione e la cura delle nostre strutture per la promozione e la sensibilizzazione della salute della donna. E’ per noi oggi motivo di grande onore ricevere un premio così significativo, che ci stimola ad andare avanti e fornire una risposta sempre più corretta per le donne, dalla prevenzione, alla diagnosi fino alla terapia. La strada è quella giusta”

Medical News

L’Ospedale Castelli di Verbania ha ricevuto oggi da Fondazione Onda, Osservatorio nazionale sulla salute della donna e di genere, 2 Bollini Rosa sulla base di una scala da uno a tre, per il biennio 2020-2021. I Bollini Rosa sono il riconoscimento che Fondazione Onda, da sempre impegnata sul fronte della promozione della medicina di genere, attribuisce dal 2007 agli ospedali attenti alla salute femminile e che si distinguono per l’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie delle donne.
Rispetto al Bando precedente, gli ospedali premiati sono aumentati, passando da 306 a 335. Oltre a una crescita in termini di numeri, assistiamo a un miglioramento della qualità: gli ospedali che hanno ottenuto il massimo riconoscimento, tre bollini, sono infatti passati da 71 a 96.Inoltre, 167 strutture hanno conquistato due bollini e 72 un bollino.

Una particolare attenzione è rivolta al tema della depressione che riguarda 3 milioni di persone in Italia, tra cui più di 2 milioni di donne. Per questo, Fondazione Onda assegna una “menzione speciale” a 10 ospedali con i Bollini Rosa che si distinguono per l’impegno sul tema della “depressione in un’ottica di genere”.

“La 9a edizione dei Bollini Rosa, che ha visto la partecipazione di 344 ospedali italiani e il patrocinio di 23 società scientifiche – afferma Francesca Merzagora, Presidente Onda – rinnova l’impegno di Onda nella promozione di un approccio gender-oriented all’interno delle strutture ospedaliere riconoscendo l’importanza della sua promozione attraverso servizi e percorsi a misura di donna, in tutte le aree specialistiche. Qualità e appropriatezza delle prestazioni erogate dal Servizio Sanitario Nazionale, elementi indispensabili per assicurare uniformità di accesso alle prestazioni, sono evidenziate dagli ospedali con i Bollini Rosa che vengono valutati e premiati mettendo in luce le specialità di maggior impatto epidemiologico nell’ambito della salute femminile, i servizi e i percorsi dedicati nonché l’accoglienza e l’accompagnamento alle donne.

I 335 ospedali premiati costituiscono una rete di scambio di esperienze e di prassi virtuose, un canale di divulgazione scientifica per promuovere l’aggiornamento dei medici e degli operatori sanitari e per la popolazione rappresentano l’opportunità di poter scegliere il luogo di cura più idoneo alle proprie necessità, nonché di fruire di servizi gratuiti in occasione di giornate dedicate a specifiche patologie, con l’obbiettivo di sensibilizzare e avvicinare a diagnosi e cure appropriate”.

La valutazione delle strutture ospedaliere e l’assegnazione dei Bollini Rosa è avvenuta tramite un questionario di candidatura composto da quasi 500 domande suddivise in 18 aree specialistiche, due in più rispetto alla precedente edizione per l’introduzione di dermatologia e urologia. Un’apposita commissione multidisciplinare, presieduta da Walter Ricciardi, Direttore del Dipartimento di Scienze della Salute della Donna, del Bambino e di Sanità Pubblica del Policlinico Gemelli di Roma, ha validato i bollini conseguiti dagli ospedali nella candidatura considerando gli elementi qualitativi di particolare rilevanza e il risultato ottenuto nelle diverse aree specialistiche presentate.
Tre i criteri di valutazione con cui sono stati valutatigli ospedali candidati: la presenza di specialità cliniche che trattano problematiche di salute specificatamente femminili e patologie trasversali ai due generi che necessitano di percorsi differenziati, di percorsi diagnostico-terapeutici e di servizi clinico-assistenziali in grado di assicurare un approccio efficace ed efficiente in relazione alle esigenze e alle caratteristiche psico-fisiche della paziente e di ulteriori servizi volti a garantire un’adeguata accoglienza e degenza della donna tra cui il supporto di volontari, , la mediazione culturale e l’assistenza sociale.
A partire dal 7 gennaio 2020 sul sito www.bollinirosa.itsarà possibile consultare le schede degli ospedali premiati, suddivisi per Regione, con l’elenco dei servizi valutati.

“La conferma di 2 Bollini Rosa anche per il biennio 2020-2021 è motivo di orgoglio perchè testimonia come la qualità e la molteplicità dei servizi offerti nell’ambito dell’ attenzione, prevenzione e cura dell’universo femminile nel nostro Ospedale siano molto ampi – commenta il Dott. Alberto Arnulfo, Direttore della SOC Ostetricia Ginecologia. La SOC di Ostetricia e Ginecologia ha istituito quest’anno un ambulatorio per l’endometriosi, e con il Reparto di Urologia un ambulatorio per la patologia del pavimento pelvico e grazie alla collaborazione voluta con altri Reparti (Nefrologia, Cardiologia, Diabetologia) ha ampliato le possibilità di offerta di servizi dedicati alle donne. 2 Bollini Rosa significano che, nonostante le difficoltà di personale, io e tutti i miei medici, infermieri e ostetriche stiamo costantemente lavorando e migliorando gli standard qualitativi e quantitativi dei Servizi Offerti in Ostetricia e Ginecologia. “

Il Direttore Generale esprime grande soddisfazione per questo importante riconoscimento, che si aggiunge ai risultati già ottenuti nel biennio 2018-2019 con l’assegnazione di due bollini e in precedenza nel biennio 2016-2017 con l’assegnazione di un bollino.

Medical News

La partecipazione al Concorso è riservata agli ospedali del Network 2018-2019 che offrono servizi per la presa in carico multidisciplinare delle pazienti con Sclerosi Multipla in tutte le fasi della vita

La valutazione dei servizi presentati sarà espressa da un Comitato multidisciplinare di esperti coordinato dalla Dott.ssa Alessandra Protti, Dirigente Medico in Neurologia e Stroke Unit dell’ASST Grande Ospedale Metropolitano Niguarda di Milano.
Per partecipare al Concorso è necessario compilare il modulo di adesione online sul sito https://www.bollinirosa.it/concorso-best-practice-2018-sclerosi-multipla
nell’area riservata agli ospedali e inviarlo entro il 31 luglio 2018.
Per informazioni e chiarimenti potete contattare Elisabetta Vercesi al numero 02.29015286 o inviare una mail all’indirizzo info@bollinirosa.it.
Le Best Practice identificate dalla Commissione riceveranno comunicazione ufficiale entro il 9 novembre 2018 e saranno premiate durante una Cerimonia il 12 dicembre 2018 a Milano, alle 11.30, presso la Sala Pirelli c/o Regione Lombardia.
Maggiori dettagli saranno forniti in seguito.
Data la rilevanza del tema affrontato, ci auguriamo davvero di poter ricevere una numerosa partecipazione da parte degli ospedali con l’obiettivo di creare una rete virtuosa di scambio di buone pratiche cliniche tra la rete Bollini Rosa e di far conoscere all’utenza le strutture più attente alle pazienti con Sclerosi Multipla.

Medical News

L’azienda ospedaliera catanese al vertice per il trattamento delle patologie femminili

I tre Bollini Rosa assegnati dall’O.N.Da, per il biennio 2018-2019, confermano l’Arnas Garibaldi le migliori aziende ospedaliere d’Italia per la promozione e la tutela della salute femminile. L’Osservatorio Nazionale sulla Salute della Donna, struttura impegnata ormai da anni sul fronte della misurazione dei servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali patologie femminili, durante la consueta cerimonia di consegna dei riconoscimenti, svoltasi oggi a Roma, ha evidenziato la costante crescita degli ospedali siciliani in questo settore, assegnando anche quest’anno ben 3 Bollini all’Arnas Garibaldi.
A convincere i responsabili del programma operativo ad assegnare una posizione di prestigio all’azienda diretta dal dott. Giorgio Santonocito è stata non soltanto la qualità dell’offerta dei percorsi diagnostico-terapeutici, ma anche la capacità di talune unità operative di distinguersi in azioni di ricerca, cura e comunicazione, secondo quanto previsto dai rigidi parametri stabiliti dall’O.N.Da.
I Bollini Rosa sono assegnati a ospedali impegnati nella promozione della medicina di genere e che si distinguono per l’offerta di servizi dedicati alla prevenzione, diagnosi e cura delle principali malattie femminili. La valutazione delle strutture ospedaliere e, quindi, l’assegnazione dei Bollini è avvenuta tramite un questionario di candidatura composto da oltre 300 domande suddivise in 16 aree specialistiche. Un’apposita commissione multidisciplinare presieduta da Walter Ricciardi, Presidente dell’Istituto Superiore di Sanità ha valutato le candidature attraverso specifici criteri quali la presenza di aree specialistiche di maggior rilievo clinico ed epidemiologico per la popolazione femminile, l’appropriatezza dei percorsi diagnostico-terepeutici e l’offerta di servizi rivolti all’accoglienza e presa in carico della paziente, come la telemedicina, la mediazione culturale e l’assistenza sociale. Peraltro, in questa edizione è stata valutata anche la presenza di percorsi ‘ospedale-territorio’ e quella di servizi Pet-Therapy per i pazienti ricoverati.
“Siamo particolarmente orgogliosi – afferma il Commissario dell’Arnas Garibaldi, dott. Giorgio Santonocito – di avere avuto anche per il prossimo biennio questo prestigioso riconoscimento che colloca la nostra struttura tra le migliori in Italia nell’assistenza alle donne e nel trattamento delle patologie femminili. Ovviamente non posso che ringraziare tutti i protagonisti di questo successo, quei medici e quegli infermieri che ogni giorno si impegnano per dare all’utenza un servizio adeguato alle loro aspettative”.