Medical News

Circolare ministero Salute, deciso dal medico. Iniziative dal 14

Per i bambini in ritardo con le vaccinazioni sarà il medico a decidere il calendario per recuperare, in maniera ‘personalizzata’. E’ una delle indicazioni contenute nella circolare con le prime indicazioni operative emanata dal ministero della Salute.
“Il recupero dei non vaccinati o dei vaccinati parzialmente, a cura delle ASL competenti, necessita di una valutazione da parte del sanitario – si legge nel documento, pubblicato anche sul sito del ministero – che dovrà, in particolare, tenere in considerazione diversi elementi, quali: vaccini e numero di dosi già somministrati, età del minore, numero di dosi necessarie a completare ciascun ciclo a seconda dell’età e della presenza di eventuali condizioni cliniche, intervallo tra le dosi raccomandato in scheda tecnica e tra vaccini diversi, esistenza di prodotti combinati, possibilità di associare nella stessa seduta più vaccini”. La circolare precisa nel dettaglio le modalità di presentazione della documentazione per le iscrizioni e l’iter delle sanzioni per i genitori inadempienti, già illustrati nei giorni scorsi. Un paragrafo è dedicato alle iniziative per la comunicazione.
“A partire dal 14 giugno il Ministero della Salute attiverà un numero di pubblica utilità (1500), al quale risponderanno medici esperti del Ministero per fornire ai cittadini informazioni e risposte in merito alle novità introdotte dal decreto-legge. Inoltre, per l’anno scolastico 2017/2018, il Ministero della Salute, grazie ad un accordo con il Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, sosterrà iniziative di formazione del personale docente ed educativo, nonché di educazione delle alunne e degli alunni, delle studentesse e degli studenti sui temi della prevenzione sanitaria e in particolare delle vaccinazioni, anche con il coinvolgimento delle associazioni dei genitori”. Inoltre, le vaccinazioni per le quali è introdotto l’obbligo sono gratuite in quanto già incluse nei Livelli Essenziali di Assistenza e l’obbligo vaccinale riguarderà anche i minori stranieri non accompagnati, vale a dire i minorenni non aventi cittadinanza italiana o dell’Unione Europea che si trovano per qualsiasi causa nel territorio dello Stato, privi di assistenza e di rappresentanza da parte dei genitori o di altri adulti per loro legalmente responsabili.

Medical News

Per la giornata nazionale tante “madrine” insegnano ad amarsi

A prendersi cura della salute della donna si inizia fin dalla nascita, e attraverso stili di vita, screening e vaccinazioni si prosegue fino alla terza età. Lo ricorda il ministero della Salute nel ‘calendario della prevenzione’ realizzato in occasione della Giornata per la salute della donna, che contiene tutte le indicazioni necessarie e che è disponibile in forma interattiva sul sito del ministero.
Un documento presentato nel corso di una giornata che ha visto decine di iniziative in tutta Italia e altrettante “madrine” del mondo della cultura, dell’imprenditoria e dello spettacolo. In estrema sintesi fino a dieci anni di vita, ricorda il documento, è importante seguire le indicazioni del pediatra, fare tutte le vaccinazioni e gli screening neonatali. In pubertà e adolescenza bisogna evitare fumo alcol e droghe, e ricordare i richiami delle vaccinazioni già fatte e l’immunizzazione per l’Hpv. Per l’età adulta tra i consigli ci sono mantenere una buona attività fisica, seguire gli screening oncologici e farsi visite periodiche. L’età della menopausa, ricorda il volume, “introduce e segna dei cambiamento nella vita della donna che dovrà in parte modificare gli stili di vita per mantenere lo stato di benessere psico-fisico”. Vaccinazioni e screening, ricorda il vademecum, devono essere aggiornati anche dopo i 65 anni. E in questa seconda giornata, promossa da Atena Donna della Fondazione Atena presieduta dal neurologo Giulio Maira con la moglie Carla Vittoria, e voluta dal ministro, fra le testimonianze sui molti temi affrontati c’e’ stata anche quella dell’attrice e ballerina Alessandra Martinez sul delicato tema dell’anoressia che riguarda in realta’, fuori dai luoghi comuni, non solo le ragazze ma anche tante donne adulte. “Il messaggio che passa è quello di una perfezione che invece perfezione non è – ha spiegato – intanto è una finta perfezione truccata da foto ritoccate, e poi soprattutto è un’immagine pericolosissima. Con la vita non si gioca, e l’anoressia puó portare anche alla morte”. Sono diverse le testimonial dell’iniziativa, da Raffaella Carrà a Eleonora Daniele. “Questa giornata serve a sensibilizzare sul fatto che bisogna prendersi cura della donna, – ha affermato la cantante Dolcenera – che è diversa dall’uomo, e non è una giornata che poi finisce qui; l’iniziativa continua anche on line, con gli esperti del ministero”. Le ‘madrine’ hanno affrontato tutti gli aspetti legati alla salute della donna, compresi i più spinosi. “È importante – ha ricordato ad esempio Barbara De Rossi – riuscire a dire basta ai maltrattamenti fisici e psicologici”. La giornata si e’ conclusa con una regata ‘rosa’ di canottaggio di donne sul Tevere, alla quale ha partecipato anche il ministro.