Medical News

(Scad. 20 novembre 2017) Concorso pubblico per esami per la copertura di 3 posti di INFERMIERE/A PROFESSIONALE (7a/ter qualifica funzionale) (profilo professionale n. 64 del testo unico degli accordi di comparto 02.07.2015)

In esecuzione della delibera del Consiglio d’Amministrazione del Consorzio Servizi per Anziani Passiria n. 18 del 25/09/2017, esecutiva, ed in conformità alle norme vigenti, è indetto un concorso pubblico per esami per la copertura di
1 posto a tempo parziale 50% (19 ore settimanali) 
1 posto a tempo parziale 75% (28,5 ore settimanali) 
1 posto a tempo pieno (38 ore settimanali) 
di INFERMIERE/A PROFESSIONALE (7a/ter qualifica funzionale) (profilo professionale n. 64 del testo unico degli accordi di comparto 02.07.2015) 
Questi posti sono riservati a concorrenti appartenenti al gruppo linguistico tedesco. 

LA SCADENZA PER LA PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE DI AMMISSIONE È: lunedí 20/11/2017 alle ore 11.00 
LIMITI DI ETÀ 
I candidati, alla data della scadenza del bando, dovranno avere un’età non inferiore agli anni 18. 
REQUISITI PER L’AMMISSIONE 
Per l’ammissione al concorso è richiesto il possesso dei seguenti requisiti: 
a) cittadinanza italiana o di un altro stato membro dell’Unione Europea o cittadino di altri stati terzi che possa avvalersi della legge n. 97 del 06/08/2013; 
b) titolo di studio: 

• Laurea abilitante alla professione infermieristica oppure 

• diplomi equipollenti in base alla normativa statale oppure 

• diplomi riconosciuti da parte del Ministero della Salute oppure 

• diplomi dichiarati equipollenti ai sensi del D.P.R. n. 197 del 26.01.1980 e successive modifiche ed integrazioni 

• patente B 
c) attestato di bilinguismo “B”, per personale in servizio alla data 31.12.2001 attestato di conoscenza delle due lingue “C” e inoltre corso di cui all’allegato 2, art. 12 dell’accordo di comparto per il personale del Servizio sanitario Provinciale del 28.08.2001; 
d) godimento dei diritti politici; 
e) idoneità fisica all’impiego. L’amministrazione ha la facoltà di sottoporre a visita medica di controllo il/la candidato/a che accederà all’impiego; 
f) posizione regolare nei riguardi degli obblighi di leva e del servizio militare (per gli aspiranti di sesso maschile); 
g) essersi dichiarato appartenente oppure aggregato ad un gruppo linguistico in occasione dell’ultimo censimento. 
I requisiti prescritti devono essere posseduti alla data di scadenza per la presentazione di domande di ammissione al concorso. 

DOMANDA DI AMMISSIONE 
Per essere ammessi al concorso i candidati potranno avvalersi dell’autocertificazione e delle dichiarazioni sostitutive dell’atto di notorietà ai sensi del D.P.R. 445/2000 nel testo vigente. 
La domanda di ammissione al concorso, deve essere redatta sul modello da ritirarsi presso la Segreteria del Consorzio Servizi per Anziani Passiria su carta semplice, deve essere debitamente firmata dal/la concorrente e deve pervenire direttamente o tramite lettera raccomandata con ricevuta di ritorno alla segreteria del Consorzio Servizi per Anziani Passiria, Via Chiesa 40, 39015 San Leonardo in Passiria, entro le ore 11.00 del 20/11/2017. Non fa fede il timbro postale. 
Per ulteriori chiarimenti ed informazioni gli interessati potranno rivolgersi all’ ufficio personale del Consorzio Servizi per Anziani Passiria – Via Chiesa 40 – San Leonardo in Passiria – Tel. 0473 656 086 dalle ore 8.30 alle ore 12.00 dal lunedì al venerdì – info@altersheim.it. 

San Leonardo in Passiria,
il 11/10/2017 

LA DIRETTRICE 
SILVIA LANTHALER

Medical News

Indispensabile rimedio per gastroenteriti

I farmaci prescritti dal medico per eventuali patologie in corso, ma anche un antibiotico, antidolorifici, medicine per la tosse. Una vacanza sicura, ricorda il sito del Cdc americano, passa anche per un kit di pronto soccorso ‘smart’, che permetta di affrontare i piccoli inconvenienti.
“Prima di partire – affermano gli esperti americani – bisogna fare mente locale su dove si sta andando, e se nel posto si avrà accesso a forniture mediche”.
Alcuni prodotti, sottolinea la scheda degli esperti americani, sono indicati per qualsiasi destinazione. Fanno parte di questa categoria i più comuni farmaci da banco, da quelli antidiarrea, il problema più frequente durante le vacanze, ai decongestionanti agli antidolorifici e antipiretici per arrivare agli antiacido e a una crema antibatterica. A questi si aggiungono cerotti, garze, un termometro e anche un antibiotico orale, prescritto dal medico, che può servire in caso di gastroenteriti più gravi. In circostanze particolari, devono poi essere portati crema solare, repellente per insetti, farmaci per prevenire i problemi dovuti all’altitudine o tavolette per purificare l’acqua.
Per prepararsi a possibili problemi più gravi, sottolinea il ministero della Salute, meglio informarsi su come ottenere assistenza sanitaria all’estero. Proprio sul sito del ministero c’è il portale ‘se parto per..’ con tutte le informazioni.
Inoltre, Assosalute, l’Associazione nazionale farmaci di automedicazione, ricorda, in 7 consigli, che sbalzi di temperatura e umidità sono pericolosi per la conservazione dei farmaci e che col caldo estivo vanno preferite le formulazioni solide rispetto a quelle liquide perché meno sensibili alle alte temperature. Occhio infine agli spray in spiaggia: vanno tenuti in una borsa all’ombra e in luogo areato.

Medical News

Zika, Ebola e Mers tra tutti. Se si va in Italia vaccinarsi contro il morbillo

Zika, Ebola e Mers (sindrome respiratoria mediorientale) sono tra i nuovi virus emergenti, possibili minacce per la salute dei viaggiatori. Ma oltre a questi non bisogna dimenticare per esempio la polio in Nigeria, la Malaria in Burundi e Sud-Africa e il morbillo in Italia, Germania e Belgio. Sono alcune delle indicazioni contenute nella nuova versione del Yellow Book, il volume pubblicato dai Centers for diseases control (Cdc) americani, e indirizzato a tutti gli operatori sanitari che devono dare consigli ai viaggiatori.
Organizzato in 8 capitoli, il libro spiega quali sono le vaccinazioni raccomandate, dà suggerimenti su come prevenire incidenti o problemi legati all’altitudine, alla nausea da viaggio, la diarrea del viaggiatore e come gestire il jet lag.
Tra le novità di questa nuova edizione ci sono dei focus specifici su Cuba e Myanmar, il nuovo vaccino contro il colera, linee guida aggiornate sull’uso degli antibiotici per trattare la diarrea del viaggiatore, mappe sul rischio di malaria e sui paesi per cui è bene vaccinarsi contro la febbre gialla.
I Cdc danno indicazioni con diversi livelli di allerta (rosso, giallo o verde) a seconda del Paese e della malattia.
C’è il livello due di allerta, in cui si consiglia ad esempio ad alcune categorie di popolazione ad alto rischio di posticipare il viaggio, e di adottare maggiori precauzioni, se si va in pellegrinaggio a La Mecca, per l’alto numero di persone, o nei paesi della penisola arabica, dall’Iran al Libano e l’Oman, dove c’è il rischio di contrarre il virus Mers-Cov. Allerta giallo anche per il virus Zika, segnalato in 56 paesi, principalmente in Centro e Sud America. Tra i paesi per cui vengono adottate le normali precauzioni (livello verde), c’è l’Italia insieme a Romania, Belgio e Germania per il morbillo, e per cui si raccomanda di andarci solo dopo essersi vaccinati. Secondo i dati del libro, tra il 2007 e 2011 l’Asia (33%) e l’Africa Sub-sahariana (27%) sono state le aree dove più spesso si sono contratte malattie in viaggio, come malaria, dengue, febbre enterica e chikungunya.

Medical News

Matrimonio dopo i 30 anni? Secondo uno studio a cura di Nicholas H. Wolfinger, psicologo dell’Istituto per gli studi sulla famiglia della Utah University non è un bene.

Lo psicologo americano ha analizzato i dati  della “Indagine nazionale Usa sulla crescita delle famiglie”, compilata dai Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie (cdc), l’indagine ha osservato tra chi si e’ scambiato gli anelli tra i 20 ed i 24 anni un rischio di divorzio del 20%, e del 19% tra le coppie che si sono sposate oltre i 35 anni.

Quindi, l’età migliore per sposarsi e con meno rischi di divorzio entro i primi 5 anni dalle nozze è intorno ai 30 anni, poco prima poco dopo, senza sforare nei 20 anni appena compiuti o peggio ancora girare la boa dei 35.

Un matrimonio dopo i 32 anni di età, corre il rischio del 5% l’anno di finire con un divorzio.

Ad essere a rischio divorzio anche le baby coppie salite all’altare prima dei 20 anni.