Medical News

Via libera dalla Commissione Igiene e Sanita’ del Senato al decreto vaccini, su cui il Governo ha posto la fiducia. Oggi l’approdo in Aula a Palazzo Madama. Durante la seduta notturna la Commissione ha approvato, tra gli altri, l’emendamento che prevede l’istituzione dell’Anagrafe Vaccinale Nazionale, che registrera’ la situazione vaccinale degli italiani, e un emendamento che prevede vaccinazioni anche per operatori sanitari, sociosanitari e scolastici. Su quest’ultimo si attende, pero’, il parere della Commissione Bilancio che arrivera’ oggi prima dell’approdo in Aula. Sono queste le novita’ principali del testo che prevede l’obbligatorieta’ delle vaccinazioni per l’iscrizione a scuola.
Tra le modifiche apportate dal passaggio in Commissione a Palazzo Madama, la principale riguarda la riduzione delle vaccinazioni obbligatorie, passate da 12 a 10, ovvero: polio, difterite, tetano, epatite B, pertosse, emofilo di tipo B, morbillo, parotite, rosolia e varicella. A queste, poi, se ne aggiungono altre 4 “consigliate” attivamente dalle Asl: anti-meningococco B e C, anti-pneumococco e anti-rotavirus.
Diminuite, inoltre, le sanzioni ai genitori che non vaccinano e tolto il riferimento al rischio della perdita di patria potesta’. Tra gli emendamenti approvati nei giorni scorsi, uno prevede la possibilità, per i medici, di somministrare i vaccini in farmacia.

Medical News

Annuncio ministro su Twitter, ddl Gelli ora in aula

“Un altro importante passo avanti: la Commissione XII Senato ha approvato il ddl sulla responsabilità del medico”. Così, su Twitter il ministro della Salute Beatrice Lorenzin ha annunciato l’approvazione del ddl Gelli. Il testo dovrà ora passare all’esame dell’aula di Palazzo Madama, prima di tornare a Montecitorio per l’approvazione definitiva.

Romano, (Aut), legge responsabilità medica tutela pazienti

“Con l’approvazione si cercherà di mettere in condizioni i professionisti di operare con tranquillità e serenità e di dare ai pazienti la certezza della migliore assistenza”. Così il senatore Lucio Romano (Gruppo per le Autonomie) commenta l’approvazione, in Commissione Igiene e Sanità del Senato, del ddl in materia di responsabilità professionale del personale sanitario, di cui è primo firmatario (nonchè componente della stessa Commissione).
“Finalità del provvedimento – spiega – è dare una risposta alla deriva della medicina difensiva e ai suoi elevatissimi costi; favorire l’alleanza terapeutica; dare maggiore serenità al personale sanitario; assicurare una sempre migliore assistenza e tutela dei pazienti”. Romano ricorda inoltre che il disegno di legge “affronta e disciplina i temi della sicurezza delle cure, della responsabilità dell’esercente della professione sanitaria o socio sanitaria e della struttura pubblica o privata, le modalità di svolgimento dei procedimenti giudiziari aventi ad oggetto la responsabilità professionale”, Secondo il senatore, già a novembre il disegno di legge potrebbe andare in Aula al Senato per l’approvazione.

De Biasi (Pd), ora via libera da Aula entro novembre

“La Commissione Sanità del Senato ha terminato i suoi lavori”, ora “ci attende il lavoro dell’Aula, mi impegnerò perché il provvedimento possa essere approvato entro il mese di Novembre”. E’ quanto dichiara la presidente della Commissione XII di Palazzo Madama Emilia Grazia De Biasi, in merito all’approvazione, oggi pomeriggio, del ddl 2224 sulla Responsabilità professionale del personale sanitario.
Si è trattato, spiega la senatrice Pd, di “un lavoro importante, condiviso e approfondito che ha migliorato il testo già pregevole approvato dalla Camera dei Deputati”. Insomma, prosegue De Biasi, è “un provvedimento che risponde alle sacrosante esigenze di tutela e di sicurezza dei cittadini e, nello stesso tempo, di sicurezza e dignità dell’intero mondo delle professioni sanitarie”. “Il mio sentito ringraziamento – conclude – va al lavoro completo e straordinario del relatore, Senatore Amedeo Bianco”.

Chirurghi,sì a ddl responsabilità medica grande passo avanti

Un “passo avanti importante verso l’approvazione definitiva di una legge attesa da anni”. Così il vicepresidente dell’Associazione chirurghi ospedalieri italiani (Acoi), Pierluigi Marini, esprime soddisfazione per l’approvazione del ddl sulla responsabilità medica, il ddl Gelli, in commissione Sanità del Senato. “Il Parlamento – spiega – ha saputo ascoltare il mondo delle professioni sanitarie ed ha compreso l’importanza di questo provvedimento”.
La legge, aggiunge Marini, “darebbe conforto al mondo medico e interverrebbe in maniera positiva sulla limitazione del contenzioso medico-legale, un buco nero che inghiotte ogni anno risorse ingenti e lede il diritto alla salute dei cittadini. Ci auguriamo che il ddl venga approvato rapidamente e senza stravolgimenti in Aula in Senato e poi definitivamente alla Camera e diventi legge entro l’anno”.