Medical News

Ma quello decaffeinato protegge in misura minore

Bere fino a cinque tazzine di caffè al dì potrebbe dimezzare il rischio di cancro del fegato; una sola tazzina al giorno riduce di un quinto il pericolo di questo tumore.
Lo rivela una ricerca diretta da Oliver Kennedy della University of Southampton in Gran Bretagna e pubblicata sulla rivista BMJ Open.
Gli esperti hanno analizzato informazioni sul consumo di caffè di 2 milioni 250 mila persone complessivamente (coinvolte in un totale di 26 studi precedentemente pubblicati) e visto che il consumo di un solo caffè al giorno riduce il rischio di cancro del fegato del 20% (un quinto); ma se si arriva fino a cinque tazzine il rischio è dimezzato. Oltre agli antiossidanti e antinfiammatori di cui è ricca la nera bevanda, si presume che la caffeina abbia un ruolo centrale nel potere protettivo esercitato dal caffè in quanto il caffè decaffeinato è risultato di per sé protettivo in minor misura contro il tumore.

Medical News

Quantificati i benefici dei potenti anti infiammatori contenuti

Bere una tazza di te’ al giorno – sia esso nero o verde o di altre varieta’ – dimezzerebbe i rischi di demenza senile del 50%. Dopo il caffe’ e’ ora la volta de te’ per la prevenzione. Ed addirittura dell’86% tra chi e’ portatore di una mutazione genetica che favorisce i disturbi del declino mentale: si tratta del gene APOE, che nella variante dell”allele E4′, sembra favorire lo sviluppo dell’Alzheimer.
Ad osservare la marcata riduzione dei casi di demenza mentale tra i consumatori abituali di te’ e’ un nuovo studio dell’universita’ di Singapore condotto da Feng Lei.
Il team di ricercatori – che oggi ha rilasciato un comunicato stampa sui dati emersi dall’indagine – ha seguito la salute di 957 individui dai 55 anni in su’ per 7 anni. Dividendoli in due gruppi: i portatori della variante genica ed i non-portatori.
Lo studio ha tenuto conto di altre’ condizioni della salute e degli stili di vita dei partecipanti.
Ma i dati son risultati chiari: il rischio di demenza e’ dimezzato nei bevitori quotidiani di te’ e scende dell’86% tra i portatori del gene alterato.
Pubblicata sulla rivista Usa ‘Journal of Nutrition, Health and Aging’, la indagine individuerebbe nelle catechine e nei flavonoidi presenti nelle foglie del te’ potenti sostanze anti-infiammatorie che proteggerebbero il cervello.